giovedì 21 marzo 2013

BLOGGER'S GOT TALENT: Cos'è il talento?

Questo post partecipa all'evento "Blogger's got Talent" ideato da:
Federica Mamma Moglie Donna (http://mammamogliedonna.blogspot.it),
Micaela Le M Cronache (http://lemcronache.blogspot.it), 
Serena IdeaMamma (http://www.ideamamma.it/), 
Valentina di Mamy Chips & Craft(http://mamichipscrafts.blogspot.it/)  e 
Natalia di Tempodicottura (http://tempodicottura.it).
Per questo, ospito il post scritto da Ernesto de Matteis del blog www.trippando.com
Buona lettura!!


Cos'è il talento?
Per cercare di capire qual'è il mio, ve lo racconto attraverso la storia di un cittadino italiano, nato per caso a Brindisi vicino al petrolchimico che presto ne funesterà l'infanzia: quel cucciolo d'essere umano scopre la sofferenza, il dolore, la malattia che neanche ha compiuto il secondo anno d'età.
Ma ben presto impara che, di una medaglia, c'è anche l'altra faccia.




Così scopre l'affetto, la conoscenza, la curiosità, l'Amore: la vita!!!
Vive il primo approccio con l'Amante di questa vita (la Musica) attraverso un mangiadischi Geloso arancione (forse per questo è il suo colore preferito?), ed i lanci che fa attraverso i 45 giri che non gli sono graditi sono il primo segno di ribellione...
E poi la lettura. 
Il bambino legge, ascolta, guarda tutto quello che gli sta attorno. e capisce da subito che lo scopo della sua vita è capire perchè e raccontare agli altri quello che sa.
Giocando per strada coi fratelli maggiori, colle figurine, ritenendo sacrilegio scambiarsi i fumetti (che non legge, roba infantile...) o peggio ancora i libri. compagni di viaggi incredibili dalla terrazza della sua immaginazione.



Comincia a disegnare, a dipingere, ad Amare personaggi "diversi" (Capitan Harlock è il suo mito a cartoon, lo affascinano Donna Summer ed Amanda Lear...).
Poi, a scuola, trova la chiave che lo scioglie dal silenzio in cui vive e ne svela la voce: Francesco d'Assisi scritto da Hermann Hesse in un colpo solo gli rivelano la propria essenza, il credo, il modo di essere.
E la radio fa il resto...
Si comincia da concorrente di un radio-quiz, si finisce giovanissimo direttore della programmazione di una radio locale.
Ma a 19 anni capisce che la vita va affrontata in sofferenza, e decide di lasciare il certo per l'incerto, il proprio focolare per la ricerca di quella conoscenza che è la vita stessa. 
E Torino lo culla, lo accoglie, lo rimbalza, ma lui ne entra a far parte e la trasforma nella sua città, Amata e bellissima.
Per caso, un giorno finisce a fare delle fotografie di notturni a Roma. 
Prima d'allora non aveva mai pensato a fare fotografie, le osservava, come il resto del creato.
Per 20 anni osservatore, di colpo si ritrova per altrettanti a far scorgere la realtà secondo il suo punto di vista.
Il suo credo è nelle sue immagini, personalissime ma per quanto possibile rispondenti alle richieste di chi le commissiona, le deve fruire.
E quello che doveva essere un mezzo di sostentamento per l'Amato studio diventa il suo lavoro: lo fa viaggiare, conoscere "altro", insegnare, crescere.



Poi un giorno un'occasione fortuita lo porta in Paradiso: l'Abbazia di San Felice di Giano dell'Umbria fa il resto.
Il suo cuore palpita, aumenta la frequenza dei battiti, e pian piano matura la decisione di dedicarsi completamente all'"Altro".
Lasciando la fotografia come lavoro cercando di farsi riconquistare dal mistero dell'immagine.
Aprendo un luogo al pubblico che fondamentalmente è la casa di tutti, dove trovare però l'identità di chi la apre e la cura tutti i giorni.
E sposando un'avventrice che usa la connessione aperta gratuita per sentire i suoi piccoli lontani chilometri e chilometri.
Ecco, il talento è proprio questo: essere se stessi, sapendo cosa si è.
Ed accettando la diversità dell'altro, che è il sole della vita.
Pace e bene...



Per continuare a seguire la caccia al post e a tutti i talenti delle partecipanti, il prossimo blog da visitare è  http://acasadiclara.blogspot.it/2013/03/bloggers-got-talent-il-mio-talento.html

12 commenti:

  1. Contenta di aver ospitato un "collega" di Trippando :)
    Grande Ernesto!!!

    RispondiElimina
  2. Wow.
    Essere ciò che si è. Questo è davvero IL talento.
    Fra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Francesca.
      Sempre pesando dall'altra parte della bilancia ciò che sono gli altri.
      Sempre...
      Servire penso che sia il verbo più esaustivo.

      Elimina
  3. Che meraviglia le tue parole raccontano una vita con molta poesia. Complimenti!

    RispondiElimina
  4. Grazie Federica.
    E' facile poetizzare una vita zeppa di occasioni come quella che ha vissuto Ernesto da Brindisi, italiano fiero di essere nato a 2 passi dalla casa di Virgilio, la guida del sommo Dante nella Commedia...

    RispondiElimina
  5. Ernesto la tua storia è davvero bellissima... sei una bellissima persona! E il talento di essere se stessi, mi sa che ti appartiene davvero! Bellissimo percorso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Federica.
      Io sono quello che mi hanno insegnato ad essere.
      Il merito è soltanto loro/vostro.
      Ancora grazie di avermi dato la possibilità di farmi conoscere.
      Pace e bene...

      Elimina
  6. Che bello sapersi raccontare così. Davvero commuovente.

    RispondiElimina
  7. Già, Rita.
    Però non è commovente, è la realtà.
    E ce ne sarebbe da raccontare...
    Grazie.
    Pace e bene...

    RispondiElimina
  8. mi hai riempito il cuore di Vita
    grazie

    RispondiElimina

Il tuo commento alimenta il mio blog :)
Grazie!