venerdì 8 novembre 2013

Urbino tra arte e golosità

Non siete mai stati ad Urbino? Se continuerete a rispondere di no, dovrete sentirvi in colpa, perché vi mancherà una dimensione della civiltà italiana. E questo lo si dice non soltanto per quello che è il suo patrimonio artistico, no, lo si dice per quella che è la fisionomia stessa della città, per la sua aria, per la straordinaria bellezza della sua terra. Urbino è un paesaggio incantato.” Così descriveva Urbino Carlo Bo, magnifico rettore dell’Università oggi a lui intitolata.

Noi non volevamo più sentirci in colpa così abbiamo dedicato un week end di fine agosto alla visita di questo gioiello marchigiano, che conserva perfettamente l’aspetto voluto dal duca Federico da Montefeltro
Raffinato e colto umanista, amico di matematici e artisti, Federico fu conte e poi duca della città dal 1444 al 1482. E' a lui che si deve la costruzione dell'opera simbolo del suo potere e del rinascimento tutto: il Palazzo Ducale.

Purtroppo il restauro della splendida facciata dei Torricini non ci ha permesso di godere appieno della più celebre cartolina della città, abbiamo quindi deciso di percorrere il camminamento panoramico Piero della Francesca per ammirare campanili, tetti e torri attorniati dal verde delle colline che si innalzano tra le valli del Foglia e del Metauro.

Panorama dal camminamento Piero della Francesca
Fortezza Albornoz

Giunte al pian del Monte, dove sorge la fortezza Albornoz, oggi sede del museo archeologico e dell’armeria ducale Bella Gerit, abbiamo disceso le strette vie e piole per raggiungere il cuore del borgo rinascimentale e quindi la casa natale di Raffaello Sanzio
Casa natale di Raffaello Sanzio
Questa tipica abitazione quattrocentesca è celebre soprattutto per l’affresco raffigurante la Madonna col bambino, da alcuni ritenuta la prima opera realizzata dall’artista sotto la guida del padre pittore, Giovanni Santi, che qui aveva anche la sua bottega. 
Non distante, sorgono due importanti oratori, quello di San Giuseppe costruito nel ‘500 per volontà dell’omonima confraternita, e quello trecentesco di San Giovanni Battista con affreschi tardogotici perfettamente conservati, opera dei fratelli Lorenzo e Jacopo Salimbene da San Severino Marche.
Oratorio di San Giovanni Battista
Per accostarci alla città da un punto di vista alternativo, abbiamo pensato di visitare il Museo della città, la cui sede è ad un passo dai due edifici simbolo di Urbino: il Duomo e il Palazzo Ducale. 
A una prima vista si rimane colpiti dal singolare accostamento. 
Il marmo della facciata settecentesca della cattedrale infatti contrasta con i mattoni dell'adiacente dimora progettata da Luciano Laurana e Francesco di Giorgio Martini.

Duomo di Urbino


Prima di immergerci nell'atmosfera Montefeltriana, ci è sembrato doveroso rendere omaggio alla cucina locale, assaggiando la Crescia sfogliata da cui deriverebbe la più famosa, ma meno nobile, piadina romagnola. 
L'ingrediente che non può mancare è a nostro avviso la Casciotta di Urbino DOP.
Pausa pranzo con Crescia sfogliata alla Casciotta
Rigenerate dal veloce pranzo, ci siamo dirette a Palazzo Ducale dove una guida ci ha condotti, attraverso il Cortile d'Onore e lo scalone monumentale, nei vari appartamenti in cui è suddiviso l'edificio, che ospitano anche celebri opere di Piero della Francesca, Pedro Berruguete e Paolo Uccello. Indimenticabile lo Studiolo di Federico, le cui pareti presentano fini tarsie perfettamente conservate, realizzate da artisti fiamminghi.

Per appagare il palato tanto quanto gli occhi, abbiamo poi deciso di cenare in un ristorante ben recensito: la Taverna degli Artisti. 
Come antipasto abbiamo ordinato un tagliere di salumi e formaggi misti, accompagnati dall'immancabile crescia, per primo chitarrine al radicchio e formaggio di fossa e strozzapreti alla boscaiola e per secondo straccetti all'urbinate su letto di bieta con formaggio di fossa. 
Cena alla Taverna degli Artisti
Davvero buono il rapporto qualità prezzo e ottima anche la collocazione del ristorante, a due passi da una delle porte di accesso al centro storico, Porta Santa Lucia.

Dopo una breve passeggiata tra le vie della città, immerse in un silenzio quasi irreale, siamo infine tornate in albergo, sazie e soddisfatte.

5 commenti:

  1. anna bignamini9 novembre 2013 10:55

    Ottimo lavoro!
    Continua così con passione ed entusiasmo a rendere partecipi gli altri delle tue scoperte.

    RispondiElimina
  2. Molto interessante, spiegato e fotografato in modo splendido, vien la voglia di visitare
    Urbino ed il suo territorio.

    RispondiElimina

Il tuo commento alimenta il mio blog :)
Grazie!