domenica 31 marzo 2013

Una passeggiata al Parasio di Imperia

Ci capita spesso di andare in Liguria e sovente ci spostiamo tra ponente e levante alla ricerca di angoli caratteristici e scorci suggestivi.
Questa volta vi raccontiamo della passeggiata che abbiamo fatto al Parasio di Imperiain una bella mattina invernale.


Imperia è il capoluogo di provincia ligure più ad ovest ed è una città creata negli anni 20 del XX secolo grazie all'unione di due paesi confinanti: Oneglia e Porto Maurizio. 

Nella parte di Porto Maurizio, sul colle che sovrasta la città, c'è il borgo antico del Parasio (Paraxio deriva da palazzo) dove fino al VI secolo risiedeva il vicario genovese che sovrintendeva le podesterie del ponente ligure.




L'edificio di spicco del Parasio è senza dubbio il Duomo che si erge sul piazzale in tutta la sua imponenza. 
Paragonato ad altri edifici del centro storico è piuttosto recente, dato che è stato costruito alla fine del XIX secolo. 
La facciata, che fronteggia il palazzo del comune di spiccato stile fascista, è enorme e la grandezza è esaltata ancora di più dalla gradinata antistante.
Anche l'interno colpisce per la grandezza e la luminosità ed è piacevole passeggiare nelle navate ammirando le cappelle laterali.




Dopo aver visitato il Duomo [che chiude alle h.12.00 per la pausa di pranzo] ci siamo incamminati alla scoperta del borgo. 
Grazie ai pannelli che si trovano nei pressi dei palazzi e delle piazze più degne di nota, che guidano i turisti attraverso il "GiraParasio", abbiamo proseguito la passeggiata inoltrandoci per i carrugi ed i vicoli, le viuzze e le piazzette, scoprendo scorci interessanti e rimanendo estasiati di fronte alla vista mozzafiato che si può godere verso il mare.




L'edificio che più ha attirato la nostra attenzione e che abbiamo visitato più in dettaglio è stato il Convento di Santa Chiara. 
In questo convento vivono ancora oggi le monache di clausura; abbiamo visitato la chiesa del convento e siamo passati davanti all'ingresso dove ancora oggi c'è la ruota degli esposti, dove un tempo venivano deposti i bambini abbandonati.




Nella parte posteriore del convento, quella verso il mare, c'è un meraviglioso porticato che affaccia sul mare. 
La passeggiata tra quegli archi da cui si gode una splendida vista del Tirreno è davvero impagabile. 
E nelle belle giornate è piacevole anche sedersi sul parapetto e, nella quiete del luogo, lasciarsi baciare dai raggi del sole rilassandosi.






Dopo la passeggiata, che è durata tutta la mattina, siamo scesi verso Oneglia, dove vi consigliamo una passeggiata al porto. 
In questa zona ci sono parecchi ristoranti e locali affacciati sul mare oppure ospitati nei vecchi magazzini portuali. 
In entrambi i casi le sistemazioni sono molto caratteristiche.




Per uno spuntino veloce, ma gustoso e genuino, vi consigliamo il Bar Madamadoré, in p.zza Doria 16, non lontano dal mercato coperto. 
A pranzo le proprietarie sfornano pizze e focacce calde farcite nei modi più disparati ed il prezzo è davvero contenuto.

Per un pranzo o una cena più tranquilla invece vi suggeriamo il ristorante pizzeria Grock, via Doria 10, affacciato sulla banchina. 
Consigliatissimi i primi piatti di pesce che vengono solitamente serviti al tavolo nella padella di preparazione. 
Se intendete provarlo a cena, assicuratevi di prenotare perchè è sempre molto affollato!

venerdì 29 marzo 2013

Directly from Goteborg (almost...)


Versione italiana

This week I'm in Sweden for work.
I am often in Gothenburg and I love this city so much that often I feel the desire to live here.
What is holding me back from the move is the winter: here it is long and dark. On the other hand I love coming here in summer when days are long and the weather is mild and nice.



In these days the temperature is still stiff, I came with sweaters and boots, and I do not regret it!
Luckily there is no snow, and the sun is shining. Unfortunately with the sun there is the wind, which is the most annoying thing.
Throughout the whole year Goteborg is windy, so much so that it is always best to bring a scarf and a hat for the season.

Since I am here it seems fair to tell you something about this beautiful city, the second largest city in Sweden by extension, which houses one of the most famous Scandinavian university.

Let me start by telling you why I love Gothenburg so much.
First of all, I love this city as is so accessible and it's easy to move around thanks to all the trams and buses that make up the public transport network so extensive. The only thing missing here is the subway, but I can assure you that nobody feel the need because with the price of a ride you can cross the city far and wide and even get on the islands of the archipelago that is located in the southern part of the town.



Then I love to multi-ethnicity that is there: many are the ethnic group that you can meet in Gothenburg and all those  live peacefully with the same rights but also the same duties. We can also find the multi-ethnicity in many restaurants in town, because here you can easily find traditional Swedish restaurants next to a variety of Asian or Italian or American restaurants.

Gothenburg is nice to visit in any season, is one of those cities where it is pleasant to stroll and look around. You will always find in a corner here and a street there, a typical place, a cafe with an inviting atmosphere when it's cold or a park with a beautiful green grass on which to lie back and enjoy the sun during summer .

The classic hike every tourist does when in Gothenburg is on Kungsportsavenyn, or as everyone calls it, Avenyn.
This is a street where you can find several shops but also many restaurants and hotels.
Tourists usually stop here for lunch or dinner and all the restaurants offer  splendid terraces that are opened as soon as the spring peeps.
It is clear that in this season the temperature is not warm like in southern Europe, but the Swedes are equipped with  "mushroom" stoves and warm covers for every customer.




Another thing for tourists, but that allows you to meet many local people, is a visit to Nordstan, a shopping mall.
This large shopping mall is just a few hundred meters from the Central Station.
Here you can find all kinds of shops: clothing, footwear, phone and PC, equipment and furnishings for the home.
Every time I go to Gothenburg, I always make a bet on the Nordstan and I can assure you that I never leave empty-handed.
My favorite shop is Åhléns City. It sells clothing, perfumes, accessories and furniture components.




I just gave you a little taste of this city that has much more to offer and that, if you want, I'll tell you more about.


Bästa hälsningar från Sverige! [Best wishes from Sweden! ]

giovedì 28 marzo 2013

A charming hotel in Paris

From Hotel website
Versione italiana

Glasgow Monceau Hotel, with a name that seems more English than French, is a charming Parisian hotel ideal for visiting the city without spending a fortune.
What make me smile is the address: Rue de la Félicité, 3. A great start, I'd say, since felicité in french means happiness.
How can you not want to sleep in a so inviting street, mostly at number 3 that is considered the perfect number?
In short, a perfect and joyful prelude and a great base to start exploring the city.

The hotel is located in a quiet area, not far from the Arc de Triomphe and the Champs Elysée, a few minutes walk to three metro stations (Wagram, Villiers or Malesherbes on line 2 or 3).
It is one of those areas of the city that put you at ease, where you can meet women coming home alone late at night, families riding bikes on Sunday morning and bistro open until late evening.

The rooms are small but equipped with all the comforts including air conditioning and wi-fi.
The bathrooms are a bit "old style" but that's part of the charm.
One of the things we liked the most was the tranquility despite having a room that faced the street, it was not noisy at all.





The breakfast room inext to the reception is very modern, colorful and bright.
The hotel often organizes exhibitions of paintings and art and is therefore very easy to find, hanging on the wall or resting on the table, creations of painters and sculptors who want to promote their talent.
The buffet breakfast is very rich and well supplied both with sweet and salted foods. Never miss croissants au beurre and pains au chocolat that may change your bad mood and turn your day into a wonderful one.


From Hotel website
And now, the real gem, the one that  fascinated me from the very beginning and that every morning during breakfast, attracted my attention: in Rue de la Félicité, exactly on the opposite side of the windows in the breakfast room, there is a Retoucherie , a tailor that also repairs clothing.
And guess what? He was working in his window with the ​​sewing machine and countless spools of colored threads
Isn't it a fascinating vision that makes very old Paris?




Ultimately, no objection on our stay at the Hotel Glasgow Monceau. On the hotel website the rates are a little high, especially for breakfast, but if you look through Booking.com you will certainly find some great deals with complete formula.

Hôtel Glasgow Monceau
3, rue de la Félicité 
75017 PARIS 







mercoledì 27 marzo 2013

Goteborg ...in diretta!

La Stazione Centrale
English version

Questa settimana sono in Svezia per lavoro.
Vengo sovente a Goteborg ed amo questa città svedese a tal punto che spesso provo il desiderio di trasferirmici.
Ciò che mi frena di più è l'inverno, che qui è lungo e buio. Di contro adoro venirci d'estate quando le giornate sono lunghissime ed il clima è mite e confortevole.

In questi giorni la temperatura è ancora rigida, sono venuta con maglioni e stivali e non me ne pento! 
Per fortuna non c'è più neve, ed il sole ci tiene compagnia. Ma purtroppo con il sole c'è anche il vento, che è la cosa più fastidiosa.
Durante tutto l'anno Goteborg è battuta dal vento, tant'è che è sempre meglio portarsi una sciarpina ed un cappello, adatti alla stagione.

Trovandomi qui mi pare giusto raccontarvi qualcosa di questa bellissima città, la seconda città svedese per estensione, che ospita una delle università scandinave più famose.

E vorrei iniziare col dirvi perchè amo Goteborg così tanto. 
Innanzi tutto amo questa città fruibile ed a misura d'uomo per la possibilità di spostarsi con facilità grazie alle centinaia di tram ed autobus che compongono la rete di mezzi pubblici talmente capillare da far invidia ad ogni metropoli. L'unica cosa che manca qui è la metropolitana, ma vi posso assicurare che non se ne sente la necessità visto che con il prezzo di una corsa potete attraversare la città in lungo e in largo e addirittura arrivare sulle isole dell'arcipelago che si trova a sud del centro abitato.

Autobus e tram

Poi la amo per la multietnicità che vi si trova: tantissime sono le etnie che si possono incontrare a Goteborg e tutti quanti convivono serenamente con gli stessi diritti ma soprattutto gli stessi doveri. La multietnicità si trova anche nei numerosi ristoranti della città; qui infatti si possono facilmente trovare ristoranti tradizionali svedesi accanto a un ventaglio di ristoranti asiatici, oppure italiani, oppure americani.

Goteborg è bella da visitare in ogni stagione, è una di quelle città nelle quali è piacevole passeggiare e guardarsi intorno: troverete sempre, in un angolo qua ed in una stradina più in là, un luogo tipico, un caffè invitante e accogliente nelle giornate più fredde o un parco con una bella erbetta verde sulla quale sdraiarsi e godersi il sole estivo.

La classica passeggiata che ogni turista fa quando viene a Goteborg è quella sulla Kungsportsavenyn, o come tutti la chiamano Avenyn.
Questa è una larga via sulla quale si affacciano parecchi negozi ma anche moltissimi ristoranti ed hotel. 
I turisti solitamente si fermano qui per pranzare o cenare e tutti i ristoranti offrono degli splendidi dehors che vengono aperti non appena la pimavera fa capolino. 
E' chiaro che in questa stagione la temperatura non è tiepida come da noi, ma gli svedesi sono molto attrezzati con le stufe a "fungo" e con calde copertine di pile per ogni avventore.

Verso la Avenyn
Un'altra cosa da turisti, ma che permette di incontrare tantissimi locali, è una visita al centro commerciale Nordstan.
Questa grande galleria di negozi si trova a poche centinaia di metri dalla Stazione Centrale. 
Qui potete trovare ogni tipo di negozio: abbigliamento, tra cui un grande magazzino di H&M con una ricca sezione dedicata ai bambini,  calzature,  telefonia e pc, e attrezzature ed arredamento per la casa.
Insomma, ogni volta che vado a Goteborg, faccio sempre una puntata al Nordstan e vi assicuro che non esco mai a mani vuote.
Il mio negozio preferito è Åhlens City. Vende abbigliamento, profumi, accessori, componenti d'arredo e calzature. Se posso permettermi un paragone è molto simile a "La Rinascente" italiana.



Vi ho dato un piccolo assaggio di questa città che ha tanto altro da offrire e di cui, se volete, vi racconterò ancora.

Bästa hälsningar från Sverige!! [ Cari saluti dalla Svezia!! ]



martedì 26 marzo 2013

San Leucio, un volto diverso di Caserta

Quando si pensa a Caserta viene immediatamente alla mente la famosissima Reggia.

E invece vorremmo farvi scoprire una frazione del comune di Caserta, che si trova a pochi chilometri dal centro, verso la collina, che non è così famosa e rinomata ma che ha svolto un ruolo importante nella vita della reggia e dei Borboni: San Leucio.



Il borgo di San Leucio è stato riconosciuto, insieme alla Reggia, Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO, ma purtroppo non sempre chi visita la Reggia ne conosce l'esistenza. Nel borgo di San Leucio, che è stato ristrutturato recentemente ed aperto al pubblico per le visite, vi erano le seterie della corte borbonica.

All'interno del complesso, infatti, è possibile visitare i laboratori dove venivano lavorate le sete che erano famose in tutta Europa. Parecchi macchinari dell'epoca sapientemente restaurati e tutt'oggi funzionanti mostrano ai visitatori come venivano svolte le attività durante gli anni d'oro delle seterie.




La cosa impressionante di questo borgo è la concezione modernissima che Carlo di Borbone creò alla fine del 1700 : una colonia che potesse accogliere i poveri del regno e potesse dar loro un lavoro.

Intorno alle seterie, quindi, si costruirono delle case che vennero affidate ai lavoratori. Il re illuminato pensò anche di permettere ai figli dei dipendenti la possibilità di accedere alla scuola primaria e costruì un ospizio per accogliere gli invalidi che si facevano male nelle seterie e non potevano più sostentarsi lavorando.



Se quindi avete in programma di visitare Caserta e la sua Reggia, ricordatevi di dedicare qualche ora anche a questo borgo caratteristico e altrettanto affascinante.


lunedì 25 marzo 2013

Arezzo e i suoi tesori

Arezzo è una città toscana non così conosciuta come Pisa, Siena e la famosissima Firenze.
Le città toscane racchiudono tutte dei tesori meravigliosi ed Arezzo non è da meno.

Grazie ad una coppia di amici l'ho visitata durante il mese di dicembre e ne sono rimasta affascinata. Era il primo week end del mese ed ho potuto ammirare, oltre alle bellezze della città, anche la famosa fiera dell'antiquariato che si tiene tra le vie e le piazze proprio ogni primo fine settimana del mese.

Tra le più antiche città toscane, Arezzo è nota per l'industria orafa ed è proprio per questo motivo che qui si trovano parecchie oreficerie con meravigliosi gioielli esposti in vetrina! Una vera cuccagna per le signore!

La nostra visita alla città inizia dalla Chiesa di San Francesco dove ammiriamo una delle opere italiane più importanti e famose di Piero della Francesca, considerata il capolavoro dell'artista. L'opera la Leggenda della Vera Croce è un insieme di scene che raffigurano il leggendario ritrovamento della Croce lignea da parte della Imperatrice Elena [la madre dell'Imperatore Costantino].

Un'altra chiesa che ha attirato la nostra attenzione è la pieve di Santa Maria, che si trova su Corso Italia, la più antica delle chiese aretine, costruita attorno all'anno Mille. Anche all'interno di questa chiesa si cela un tesoro pittorico: un polittico dipinto da Pietro Lorenzetti nel 1320.



In Piazza Grande, alle spalle della pieve, come detto, una volta al mese si svolge il mercato dell'antiquariato.
La piazza è gremita di gente e piena di oggetti di antiquariato uno più bello dell'altro; soprattutto mobili ed altri pezzi di arredamento.



La bellissima piazza è fiancheggiata dal Palazzo della Fraternità dei Laici e dalle famose Logge del Vasari

Arezzo fu la residenza di famiglia del pittore, storico ed architetto Giorgio Vasari e in città si può visitare anche la casa in cui l'artista risiedette per brevi periodi quando non si fermava a Roma o Firenze.



Un altro "pezzo forte" delle opere conservate negli edifici storici di Arezzo è il grandioso Crocifisso di Cimabue, opera giovanile del maestro. Si trova nella chiesa di San Domenico, costruzione gotica della fine del duecento.

Per concludere in bellezza la nostra passeggiata ad Arezzo, abbiamo il piacere di camminare in corso Italia e guardare le vetrine dei negozi che qui si affacciano. Questa è infatti la via dello shopping dove si possono trovare negozi di souvenir ma anche negozi di articoli per la casa e di abbigliamento; non c'è pericolo di tornare a casa a mani vuote!!

Per un pranzo tipico aretino vi suggeriamo l'Osteria dei Mercanti, dove mi hanno portato i gli amici. Si trova nella zona pedonale del centro storico, in via Ser Petraccolo, 9. Apprezzabili gli antipasti di salumi tradizionali e il famoso crostino toscano. La carne è l'ingrediente principe della cucina toscana ed anche qui i tagli e le preparazioni sono da manuale. Una menzione particolare va ai dolci, fatti in casa, che sono davvero invitanti!

sabato 23 marzo 2013

Chicago: what to see in the Wind City


CHICAGO, CHICAGO, that toddlin' town

CHICAGO, CHICAGO, I'll show you around (You'll stay around)

Bet your bottom dollar you lose the blues in

CHICAGO, CHICAGO, the folks who visit
All wanna settle down (All wanna settle down in my hometown)



On State Street, that great street, I just wanna say,

They do things they don't do on Broadway,

You'll have the time, the time of your life
Bring all your friends, all your kids and your wife to
CHICAGO, CHICAGO my hometown (Hey now baby--)
(Oooh baby)
You'll have the time, the time of your life
Bring all your friends, all your kids and your wife to
CHICAGO, CHICAGO my hometown
Oh, to CHICAGO, CHICAGO my hometown (yeah)


Versione italiana qui
 


We Consider Chicago as our home in the U.S.
This is because often, during our travels Usaontheroad,  we stop there to visit Roberto's aunt and uncle and cousins ​​who live there.

Chicago is known as the "Wind City" and we can confirm that it really is a windy city, both in winter [when the temperature drops down to unbelievable freezing temperatures] and in summer.

Let us tell you one thing in confidence: among the U.S. cities we have visited so far, Chicago is our favorite.
The architecture of the skyscrapers is something hard to find in any other American city, and this makes us appreciate it even more.

The city of Chicago was destroyed on the 8th of October 1871 by a terrible fire  and instead of the wooden houses, built before the disastrous event, beautiful steel skyscrapers started popping up.
Did you know that the world's first skyscraper, which opened in 1885 was built here?
Chicago is also tied to the sad story of gangs and gangsters.
Often when we think of  Chicago we relate it to Al Capone and the St. Valentine massacre.
But we can assure you that Chicago is anything but this! And it is a city that needs to be discovered slowly, by land, river and air, to appreciate the history,  the architecture and the hidden goodies.

To give you an idea of what you can do and see in Chicago, we list some activities and some must see places.


Architecture River Cruise: if you visit Chicago during the summer we strongly recommend you to see it from the river. Several companies offer tours of the city with a cruise on the boat; the guides will explain details and secrets of every skyscraper you will encounter on the route.


Trolley or Double Decker: during winter or when the weather is gloomy it is advisable to get around the city with a "Hop on, hop off" bus .
You will stay warm and can listen to the guide on the way with the possibility to get on and off whenever you find an especially interesting attraction.



Millennium Park: This beautiful park, with its sculptures, is definitely worth a stop. In summer it is pleasant to stroll among the fountains with human faces, the kiosks selling drinks and sandwiches and stop to wonder at The Bean.



Navy Pier: the old wharf City of Chicago, has now been turned into a shopping center with several shops and many restaurants.
You can spend some time in this place  maybe on the Ferris wheel overlooking the lake or relax in the exotic garden that is located on the upper floor.


Lakefront : Chicago is located on the western shore of Lake Michigan.
Often, if you look at it thoughtfully, it is more a sea than a lake: you can not see the end ! In our opinion the best place to relax, walk and gaze at the lake is the Lincoln Park.

Water Tower: it is a true symbol of the city, the only survivor of the fire of 1871.
It is rather endearing, small and "different" in the middle of all the skyscrapers that look down upon.
It now houses the tourist office and an art gallery, but it is still very visible inside the pump that was used to draw water from Lake Michigan.





John Hancock Center: This skyscraper stands for 340 meters and offers a beautiful view of the lake and beaches.
We suggest you to visit the 94th floor where there is a roof terrace, which can be accessed by paying a ticket, where you can admire the city from above.




Willis Tower: This tower, which recently changed its name, is commonly known as the Sears Tower.
It was the highest skyscraper in the world (443 meters) until 1998 when Petronas Tower in Kuala Lumpur were inaugurated .
This is another point from where admiring the city from above and for the more adventurous, on the skydeck at the 101st floor there are also balconies with glass floor to feel "suspended in the air."





Museums: museums in Chicago are many, but the ones that deserve to be mentioned are undoubtedly the Field Museum of Natural History, Adler Planetarium with the Astronomy Museum and the Chicago History Museum, which tells in detail the history of the city and in particular of the Great Fire.

Union Station: This beautiful and famous train station worth a visit.
For movie buffs, then, you can not miss the tour of Chicago.
Do you remember which wonderful film was partly shot here?
Do you remember the scene of the wheelchair that falls from the steps in "The Untouchables" starring Robert De Niro and Kevin Costner [among others]?



Garrett Popcorn: You can not say that you have really visited Chicago if you leave without tasting the famous Garrett Popcorn, well known and exported throughout the world.
You will find several shops located around the city, including one at the Navy Pier and an O'Hare Airport. You will know them surely for the row standing outside: we too have queued up to buy and taste this delicacy.
We recommend that you mix the cheese-caramel, you will not be disappointed!




venerdì 22 marzo 2013

Chicago: cosa fare nella "Wind City"

CHICAGO, CHICAGO, that toddlin' town
CHICAGO, CHICAGO, I'll show you around (You'll stay around)
Bet your bottom dollar you lose the blues in
CHICAGO, CHICAGO, the folks who visit
All wanna settle down (All wanna settle down in my hometown)

On State Street, that great street, I just wanna say,
They do things they don't do on Broadway,
You'll have the time, the time of your life
Bring all your friends, all your kids and your wife to
CHICAGO, CHICAGO my hometown (Hey now baby--)
(Oooh baby)
You'll have the time, the time of your life
Bring all your friends, all your kids and your wife to
CHICAGO, CHICAGO my hometown
Oh, to CHICAGO, CHICAGO my hometown (yeah)

English version here





Consideriamo Chicago come la nostra casa negli USA.
Questo perchè spesso, durante i nostri viaggi Usaontheroad, vi facciamo tappa per visitare gli zii ed i cugini che lì ci abitano.

Chicago è conosciuta come la "Wind city" e possiamo confermare che è davvero una città ventosa, sia in inverno [quando il termometro scende a temperature impensabili sotto lo zero] sia in estate.

Permetteteci una confidenza: tra le grandi città degli USA che abbiamo visitato sino ad ora, Chicago è la nostra preferita. 

L'architettura dei grattacieli è qualcosa di introvabile nelle altre metropoli americane, e questo ce la fa apprezzare ancora di più.


Aqua Tower, con i balconi ad onda


La città di Chicago fu rasa al suolo da un terribile incendio l'8 ottobre 1871 e al posto delle case, costruite in legno prima del disastroso evento, iniziarono a nascere meravigliosi grattacieli in acciaio. 

Pensate che proprio qui venne costruito il primo grattacielo del mondo che fu inaugurato nel 1885.

Chicago è anche legata, ahimè, alle tristi vicende di gang e gangster. 

Spesso quando si pensa a Chicago la si ricollega ad Al Capone ed al massacro di San Valentino. 
Ma vi possiamo assicurare che Chicago è tutt'altro! Ed è una città che va scoperta piano piano, via terra, via fiume e via aria, per apprezzarne la storia, l'architettura e le chicche nascoste.

Per darvi un'idea su cosa potete fare e visitare a Chicago, vi elenchiamo alcune attività ed alcuni luoghi "must see":


Architecture River Cruise : se visitate Chicago in estate vi consigliamo vivamente di vederla dal fiume. Parecchie compagnie offrono le visite della città attraverso una crociera sul battello; le guide vi spiegheranno dettagli e segreti di ogni grattacielo che incontrerete sulla rotta.



Una Architecture Cruise


Trolley o Double Decker : in inverno o nelle giornate più uggiose è consigliabile girare la città con uno degli autobus "Hop on hop off". 

Starete al caldo e ascolterete la guida durante il tragitto con la possibilità di scendere e salire ogni qualvolta un'attrazione vi interessa particolarmente.




Millenium Park : questo bellissimo parco, con le sue sculture, vale decisamente uno stop. In estate è piacevole passeggiare tra le fontane con i visi umani, i chioschetti di bibite e panini e fermarsi ad ammirare estasiati The Bean.





The Bean


Navy Pier : il vecchio molo municipale di Chicago, è ora stato trasformato in un centro commerciale con parecchi negozi ed altrettanti ristoranti. 

Potete trascorrere un po' di tempo in questo luogo ammirando il lago dalla ruota panoramica oppure rilassandovi nel giardino esotico che si trova al piano superiore.


Navy Pier e la Ferry Wheel


Lungolago : Chicago sorge sulla sponda ovest del lago Michigan. 

Spesso, se lo si guarda sovrappensiero, pare più un mare che un lago: non si vede la fine tanto è grande! Il luogo migliore per rilassarsi, passeggiare e rimirare il lago è a nostro parere il Lincoln Park.

Water Tower : è un vero e proprio simbolo della città, l'unico sopravvissuto all'incendio del 1871. 

Fa quasi tenerezza, piccola e "diversa" in mezzo a tutti i grattacieli che la osservano dall'alto in basso. 
Attualmente ospita l'Ufficio del Turismo ed una galleria d'arte, ma è ancora ben visibile la pompa che serviva ad attingere acqua dal Lago Michigan.


Water Tower in mezzo ai grattacieli


John Hancock Center : questo grattacielo svetta per 340 mt ed offre una bellissima vista del lago e delle spiagge. 

Al 94° piano c'è una terrazza panoramica, alla quale si può accedere pagando un biglietto, da cui ammirare la città dall'alto.


Il John Hancock building


Willis Tower : questo grattacielo, che ha recentemente cambiato nome, è da tutti conosciuto come Sears Tower. 

E' stato il più alto del mondo (443 mt) fino al 1998 quando sono state inaugurate le Petronas Tower di Kuala Lumpur. 
Questo è un altro punto panoramico da cui ammirare la città e per i più temerari, allo skydeck del 101° piano, ci sono anche dei balconcini con il pavimento in cristallo per sentirsi "sospesi nel vuoto".


Willis Tower

Sospesi nel vuoto....per i più temerari

Musei : i musei di Chicago sono innumerevoli, ma quelli che meritano di essere citati sono senza dubbio il Field Museum di storia naturale, l'Adler Planetarium con il museo di astronomia ed il Chicago History Museum che racconta in dettaglio la storia della città ed in particolare il Grande Incendio.

Union Station : questa bellissima e famosa stazione merita davvero una visita. 

Per gli appassionati di cinema, poi, non può mancare nel tour di Chicago. 
Vi ricordate quale bellissimo film è stato in parte girato qui? 
Ricordate la scena della carrozzina che cade dalla scalinata in "The Untouchables" con Robert De Niro e Kevin Costner [per citarne alcuni] ?


Union Station


Garrett Popcorn : non potete dire di aver davvero visitato Chicago se ve ne andate senza assaggiare i famosissimi popcorn di Garrett conosciuti ed esportati in tutto il mondo. 

Troverete parecchi negozi dislocati per la città, uno anche al Navy Pier ed uno all'Aeroporto O'Hare. Li riconoscerete sicuramente per la fila: anche noi ci siamo messi in coda per acquistare ed assaggiare questa prelibatezza. 
Vi consigliamo il mix formaggio-caramello, non ne resterete delusi!!!


In fila per un sacchetto di popcorn