sabato 30 novembre 2013

Birmingham Christmas Market

Nel cuore dell'Inghilterra abbiamo scoperto una bellissima città: Birmingham.

Non è una località molto conosciuta da punto di vista turistico (quando si pensa alla Gran Bretagna la nostra mente va subito a Londra o ai verdeggianti paesaggi della Scozia) ma vale assolutamente la pena visitarla, soprattutto in questo periodo in cui le principali strade del centro sono letteralmente invase dalle bancarelle dei mercatini di Natale.





I "Frankfurt Christmas Market" sono i mercatini di Natale più grandi del Regno Unito e attirano tantissimi visitatori da tutto il paese. Le bancarelle che vendono le classiche decorazioni natalizie si affiancano a quelle degli artigiani locali ed è così che si respira davvero un'atmosfera internazionale. 


Non mancano poi gli stand che vendono cibo, dai pretzel a salsiccie e wurstel di ogni tipo per arrivare ai dolci (krapfen, crepes, waffel, dolci di marzapane, cioccolata, etc.) e alle famose birre tedesche.





mercoledì 27 novembre 2013

Tutti pronti per la #TombolaDellAvvento?

Ma ci pensate che tra meno di un mese è Natale?
Io ci ho riflettuto proprio ieri quando entrando nella mensa aziendale mi sono accorta che c'è il presepe in preparazione.
E' strano, davvero...sarà che fino ad ora non ho ancora sentito molto il clima invernale [ieri era, in effetti, il primo giorno in cui fa veramente freddo da queste parti] e non ho ancora visto molti addobbi in giro.
Ma sarà anche che quest'anno per me il Natale sarà un po' particolare...e di questo ve ne parlerò presto.


Il 1 Dicembre inizierà l'Avvento e, come ogni Avvento che si rispetti, è d'obbligo il calendario: quello, per intenderci, che ogni giorno ci propone una sorpresa.
Ricordo che da piccolina ricevevo quei bellissimi calendari di cartone tedeschi fatti a casetta e ogni finestra che aprivo al mattino appena sveglia racchiudeva una sorpresa: una caramella, un cioccolatino, un anellino, un braccialetto...

Con la collaborazione di Trippando, di Ilenia di Penso Invento Creo e di Monica  di Idee di Tutto un Po' , un gruppo di blogger si è unito per organizzare invece la #TombolaDellAvvento.


Ogni giorno verrà pubblicato un post inedito sul Natale in uno dei Blog partecipanti.
Sarà quasi una caccia al tesoro, perchè qui trovate la lista dei blog, ma non saranno in questa sequenza...quindi siete pronti ad aprire la finestrella con noi ogni giorno e a scoprire cosa vi racconteremo sul Natale?

Eccovi i Blog che parteciperanno alla #TombolaDellAvvento.
Attenzione però.. ogni blog puo' pubblicare più di un post!

http://www.trippando.it/ 
http://pensoinvento.blogspot.it/ 
http://www.viaggiedelizie.com/ 
http://www.bussoladiario.com/
http://www.ideedituttounpo.it/ 
http://vivereapiedinudi.blogspot.it/ 
http://accidentaccio.blogspot.it/ 
http://lillypiccolina.blogspot.it/  
http://www.athomeintuscany.org/  
http://www.ideekiare.it/
http://www.mammaciporti.it/ 
http://forchettinagiramondo.wordpress.com/
http://4piedi8-5pollici.blogspot.it/ 
http://www.nuvolositavariabile.com/ 
http://enikolori.blogspot.it/ 
http://www.crescereduegemelli-debora.com/ 
http://www.mammarum.com/ 
http://www.mammarisparmio.it Ilaria

lunedì 25 novembre 2013

Birmingham: dove l'antico e il moderno si incontrano

Appena arrivati in questa città nel centro dell'Inghilterra ci si accorge subito che è moderna e piena di vita. 
Usciti dalla stazione infatti ci accoglie una strada costeggiata di negozi e brulicante di persone di ogni nazionalità. E' la zona commerciale chiamata "Bullring" ed è un vero paradiso per lo shopping in cui trovare di tutto: dai vestiti agli oggetti per la casa, dalle scarpe a libri, dal cibo ai giocattoli.

Accanto agli edifici di design che ospitano i negozi scorgiamo però immediatamente un tocco di storia: la chiesa di St. Martin fa capolino tra i luminosi palazzi e rende subito evidente come a Birmingham non ci sia il timore di guardare al futuro pur mantenendo salde le tradizioni locali.


Bullring - Chiesa di St. Martin

Quanto le usanze locali siano radicate, poi, lo si vede subito quando arriva il momento di mangiare. 
Per le vie del centro è infatti impossibile non imbattersi in una bancarella che vende le "Jacket Potatoes", patate preparate al forno e farcite solitamente con burro. 



Jacket Potato

Non mancano poi i classici pub inglesi in cui gustare il tipico fish&chips.


The Brasshouse Birmingham

Le zone della città da visitare sono diverse ma sicuramente quelle che meritano di più, oltre al Bullring dove c'è il famoso toro, sono Victoria Square (da non perdere di sera per ammirare la fontana illuminata) e i canali che costeggiano numerose strade cittadine.


Bullring
Victoria Square
Birmingham Canals
Birmingham Canals
Birmingham Canals



martedì 19 novembre 2013

A Soave per Durello & Friends

Forse non tutti sanno della mia passione per il vino e del fatto che sto frequentando un corso per diventare sommelier.

Quando racconto dei miei viaggi, sovente mi trovo a suggerire cosa mangiare e cosa bere nei vari luoghi e cosa portare a casa come souvenir.
I miei souvenir preferiti sono indubbiamente i vini. Mi piace, una volta a casa, ricordare il viaggio sorseggiando un bicchiere di vino magari accompagnato da un piatto tipico che ho assaggiato e che provo a ricreare tra le mura domestiche.

Proprio per questa mia passione non ho resistito alla tentazione di una "spumeggiante" proposta: il prossimo week end infatti sarò in quel di Soave per un evento organizzato dal Consorzio vini Lessini Durello DOC : Durello & Friends.




Questa tre giorni di convegni, degustazioni ed eventi ha come tema le "Bollicine native diverse per natura".
La giornata di venerdì 22 è aperta agli operatori del settore, su invito, ed è dedicata a convegni, confronti e degustazioni.
Sabato 23 e Domenica 24, invece, la manifestazione è aperta al pubblico e prevede alcune visite alle Aziende del Durello e dei Banchi d'Assaggio.
La quota di partecipazione per le giornate aperte al pubblico è di 15€ (con riduzione per Enologi, AIS, FISAR e ONAV)

Il programma è decisamente nutrito e l'organizzazione ha previsto un servizio di navetta gratuita da/per Milano per le giornate di sabato e domenica:

  • Sabato partenza da Milano h.12 e ritorno da Soave h.21
  • Domenica partenza da Milano h. 14,30 ritorno da Soave h.21
Per ulteriori informazioni e per prenotare la navetta è necessario contattare l'indirizzo email stampa@rossiebianchi.it oppure telefonare al numero di tel. 0231810072

Da parte mia la curiosità di assaggiare questi vini autoctoni e scoprire i metodi di produzione è grande, pari almeno alla curiosità di scoprire questa parte dell'Italia che ancora non conosco.
Seguitemi con l'hashtag #durelloandfriends su Facebook, su Instagram o su Twitter.



Prosit!

lunedì 18 novembre 2013

Val di Non: alla scoperta del Canyon Rio Sass

Esplorando la Val di Non, un'attrazione naturale che proprio non dovreste perdervi è il Canyon Rio Sass
Un canyon in Italia?! Ebbene si! 
E pare non essere l'unico... peccato che troppo spesso si facciano chilometri e chilometri per raggiungere mete di cui sappiamo tutto dall'altra parte del mondo e si ignorino completamente le meraviglie paesaggistiche italiane. 
Io per prima, l'estate scorsa, mi sono incuriosita al Canyon formato dal fiume Verdon in Francia e non ho pensato, prima di organizzare il viaggio, ad informarmi se per caso ne avessimo nel nostro bistrattato belpaese.


In Val di Non i corsi d'acqua hanno costituito per anni una delle principali fonti dell'economia locale. Ad oggi tali attività legate all'acqua non sono più praticate e hanno lasciato in uno stato di abbandono i corsi d'acqua e i loro dintorni, compresi gli edifici che sorgevano a ridosso di questi. 
La Provincia Autonoma di Trento ha intrapreso quindi una serie di interventi di recupero, tra cui quello di valorizzazione del Rio Sass, il torrente che taglia in due Fondo, il capoluogo dell'Alta Val di Non.



A Fondo ha quindi inizio la visita, guidata da operatori specializzati che vi condurranno su e giù per scale e passerelle che affiancano il torrente per 1200 metri e che vi porteranno nel cuore del vecchio borgo fatto di case costruite a strapiombo sulla roccia, con un dislivello che arriva anche a 50 metri.




La guida non vi farà annoiare di certo descrivendovi tutte le particolarità naturalistiche che via via incontrerete, dalle cascate ai fossili, dalle stalattiti alle stalagmiti, dalle pozze alle colonie di alghe rosse.



Da qualche anno poi il percorso è stato allungato con una nuova parte che conduce alla località "Bagni di Fondo" dove dalla metà del 1800 vi era un piccolo stabilimento termale utilizzato anche dall'allora imperatore d'Austria Francesco Giuseppe e dalla splendida Sissi. 
Proprio all'imbocco di questo tratto è visibile una diga in tronchi del 1700.


Qualche informazione pratica:

Prenotazioni, ritrovo e partenza presso: 
Cooperativa Smeraldo,
Piazza S.Giovanni – 38013 FONDO, Tel. e fax 0463-850000
www.canyonriosass.it  
smeraldo@fondo.it

Apertura da aprile a novembre, prenotazione obbligatoria.
Vestirsi comodamente con scarpe adatte a sentieri e scale spesso umidi. Giacca impermeabile ed elmetto forniti dalla cooperativa.

sabato 16 novembre 2013

Olioliva 2013 a Imperia. Olio e prodotti dalla Liguria

Questo è il tredicesimo anno in cui l'evento Olioliva presenta l'olio e i prodotti tipici liguri ad Imperia.





Sotto i portici di Oneglia, la parte più a est della città, i produttori di olio, di olive, di patè di olive e di tutti i prodotti tipici della provincia di Imperia espongono le eccellenze e le presentano con molto orgoglio.

L'olio novello scorre delizioso sulle fette di pane per essere assaggiato dai turisti, molti dei quali francesi e tedeschi, che non vanno via a mani vuote.




Accanto ai prodotti tipici ci sono anche gli stand espositivi dei paesi della provincia di Imperia, ognuno con la propria caratteristica e le proprie attrazioni.
E poi, come in ogni fiera enogastronomica che si rispetti, si possono acquistare formaggi, dolci, focacce (che in liguria la fanno da padrone), salumi, vini, liquori e quanto di più goloso e appetitoso si possa trovare.





L'evento dura fino a domani, domenica 17 novembre e qui trovate il programma completo.

Io non voglio svelarvi troppo...vi lascio intuire cosa vi attende dalle fotografie che ho scattato durante la giornata.






Exploring Piemonte: Racconigi castle, the Savoia summer residence

In Piemonte there is a big choice when you want to visit one of the Savoy residences [former italian royal family]: there are the official residences, the winter ones, the summerones or even the spa.
It 's always interesting to see how in the past centuries the choice of where to stay, even for a short period of the year, was so important but never done randomly or at risk.

Try to linger and think about where they built the buildings, the palaces, the castles: the places are healthy, cool in summer and well exposed in winter, in the vicinity of hot springs from which benefit or tactically deployed in the area.
In the province of Cuneo, when you think of the Savoy family, you immediately think of the Racconigi Castle.



In this castle , which was owned by the Savoy family from the end of 1400, the royals spent their summer holidays, and controlled the surrounding area very close to the border with France.
The current version of the castle, after the changes of the architects Guarino Guarini and Filippo Juvarra to mention the most known , dates back to the thirties of 1800.
The last modernization, but not significant with regard to the exterior architecture , date back to the years of World War II when Maria José and Umberto II spent several months a year in this residence.
Umberto II was particularly linked to Racconigi because he was born here in 1904.

The Castle, which is located in the town center, is impressive and it is definitely a point of reference for the people of Racconigi and for all those who come to town.
The speculation of 60s-70s of last century has unfortunately partly "forced " the castle : some buildings used for residential purposes are directly overlooking the courtyard entrance .

Castle tours are guided , you can not access the inside of the residence without being accompanied by the organization staff.
In case of group visits it is convenient to book to be sure to reserve a preferred time .



The visit takes place within the castle, on the first floor, second floor and residential kitchens in the basement.



In some special cases, the direction of the castle opens to visitors even the mezzanine floor, which was inhabited by the nurses and staff of service of the princes.
Some of the rooms are really very special and deserve a visit to the royal residence: the Salone d'Ercole, the Gallery of Portraits, the Etruscan Cabinet [reception room of the King] and the Chinese apartments.



The grand staircase allows us to understand the relationships and the descendants of the House of Savoy. On the walls there is in fact a huge family tree and coats of arms of many of the families related to the Royal Family.



Often in the castle temporary exhibitions of great importance are also held.
For current information you should visit the site of the Castle of Racconigi



Behind the castle there is a huge park of 170 hectares.
The park is open only in fine weather. In case of bad weather it is closed to prevent possible accidents given the considerable size of some trees.
Only the park is worth a visit in its own and if you want to spend an afternoon in nature in the quiet you should wander aimlessly and get lost among the various paths.
You will discover the beautiful and imposing trees, ponds and buildings scattered here and there think how definitely they had to give rest and shelter for real during their walks. 
In 2010, the park of the Castle of Racconigi won the "most beautiful park in Italy" prize.
One of the oldest trees in the park, which has also become a symbol of merchandising, is the Zelkova.

At the bottom of the park, about 2 km from the Castle, there are Margarie and Serre . The King Carlo Alberto built the first to increase the agricultural activity and the second , known all over Europe , to produce and cultivate exotic plants.
In this area , which can be visited separately and which can be accessed via an entrance placed at the bottom of the wall of the castle, are often organized events of great importance.
The "festival of the readers" is an annual event, as well as the summer concerts of classical music which take place in a magical and spectacular ambiance.

credits of www.vespaitalia150.it
Racconigi Castle can be visited from Tuesday to Sunday from 9 to 18.20 .
The entrance fee is 5 € , inclusive of the guide.
The tours are exclusively guided and groups may not exceed 25 units .

The Racconigi Park is open from Tuesday to Sunday from 10 to 19 [ from 10 to 18 during the winter ] .
It is advisable to always ensure the opening of the park as weather conditions are crucial on openings and closures .
The ticket price is 2 €

For information, please contact tel. 0172-84005

venerdì 15 novembre 2013

L'ospite del mese: in Finlandia con Simonetta

Il figlio dei nostri amici è da un anno in Finlandia, a Turku, per il progetto ERASMUS quindi, approfittando di alcuni giorni di pausa scolastica, decidiamo di andare a trovarlo e trascorrere da lui le vacanze pasquali.

Turku è stata l'antica capitale della Finlandia, fino al 1812, ed è una
piacevolissima città situata sulla costa sud-ovest della Finlandia, alla foce del fiume Aurajoki. 
Oggi la città è ringiovanita dalle centinaia di studenti che affollano la sua università, la più antica del paese (fu fondata nel 1640!). 
La passeggiata lungo le rive del fiume è una delle maggiori attrattive della città e conduce al Castello (uno dei più grandi della Scandinavia) costruito nel 1280. Qui si trovano i principali ristoranti e locali, che però sono aperti prevalentemente in estate. 



A marzo il fiume è ancora gelato e anche il "pikkufori", il piccolo traghetto che da più di 100 anni transita da una riva all'altra del fiume, è fermo in attesa di un clima più mite. 



L'altra attrazione da non perdere è la Cattedrale, gotico medievale, sicuramente la più importante in Finlandia per la religione luterana. 



Molto carino è il Turku Market Hall (una specie di Eataly finlandese) dove si possono trovare prodotti tipici locali come pesce, carne di renna, formaggi e un’infinita varietà di pane. 
E’ possibile anche mangiare in uno dei caratteristici locali all'interno del mercato.


Nei mari della Findandia ci sono circa 80.000 isole e molte di queste   fanno parte dell'arcipelago che protegge la città di Turku. 
Ruissalo è una delle isole più belle, famosa per le foreste di querce, le ville del XIX sec., il centro benessere, il giardino botanico, le spiagge e i percorsi per bicicletta. 
La nostra gità in bus a Ruissalo (si arriva in una mezz'ora da Turku) ci consente di ammirare il bellissimo paesaggio completamente innevato e immerso nella foresta. 
Arrivati alla più famosa spiaggia dell'isola rimaniamo piacevolmente sorpresi. La spiaggia in realtà non si vede e costituisce un tutt'uno con il mare, che è completamente ghiacciato. Una passeggiata al tramonto sul mare gelato è un'esperienza bellissima e molto particolare. 



Si cammina insicuri, quasi temendo di spaccare il ghiaccio..... e il timore aumenta quando, non molto lontano da noi transita un traghetto della Vicking Line, che avanza nella baia spaccando il ghiaccio!



Un’altra isola molto carina è Hirvensalo, famosa per la St.Henry’s Ecumenical Art Chapel, completata nel 2005, dall'architettura molto particolare, tutta in legno. 
Una lunga passeggiata tra gli alberi ci conduce al mare..... beh, in realtà ci accorgiamo di essere sul mare soltanto dal cartello con salvagente che suggerisce di non bagnarsi...



Per concludere il pomeriggio, il nostro amico ci consiglia di provare la famosissima sauna finlandese
Per i finlandesi la sauna è una cosa quasi “divina”, e da più di 2000 anni fa parte della loro vita. Le prime saune erano saune di fumo, senza la canna fumaria e con i muri anneriti. 
Le saune di oggi si riscaldano invece con la legna o l’elettricità. Il calore proviene da una grande stufa, posta al centro del locale, sulla quale si butta acqua. Si entra e si esce dal locale sauna diverse volte. 
Nelle pause ci si rilassa all’aperto, ci si butta nella neve o si nuota nel mare o lago gelato.



Ovviamente siamo arrivati fin qui e non possiamo non provare un  tuffo nel mare ghiacciato. La signora finlandese che è seduta accanto a me nel locale sauna mi spiega che devo scendere in mare dalla scaletta destra del pontile ed aggirarlo per poi salire dalla scala posta a sinistra. I finlandesi nuotano alcuni minuti, noi riusciamo a stare immersi giusto qualche secondo… il tempo di sentirsi paralizzati dall'acqua fredda e correre a "rilassarsi" all'interno.
Il sacrificio è massimo, ma poi ci si sente veramente ritemprati e affamati! Appena fuori dal locale sauna non possiamo non assaggiare le buonissime salsicce alla brace con salsine. 

Concludiamo la giornata in uno dei ristoranti della catena Harald, un locale tipico vichingo. 
Il posto è forse un po' troppo turistico, ma è carino e si possono assaggiare alcune specialità tipiche locali come la carne di renna, specialità sami che viene servita affumicata, in filetti al forno o in stufato e il salame di orso. Anche la birra è molto buona. 
Il prezzo non è dei più economici (solo il dolce costa 9,80€) ma rispecchia il costo medio dei ristoranti finlandesi.
Se si vuole risparmiare un po’ si può mangiare un hamburger da Hesburger, la catena di fast food finlandese (e gli hamburger sono molto buoni!).

A un'ora di pullman da Turku, visitiamo Helsinki, una città piacevole, pulita e tranquilla dove le dimensioni di una capitale in realtà sembrano essere più quelle di un paese cresciuto troppo. 
Camminando un po’, si può visitare tranquillamente a piedi…. occorre soltanto fare molta attenzione al ghiaccio che, in questa stagione, ricopre tutti i marciapiedi delle città finlandesi. 

E’ una città prevalentemente moderna, anche se non mancano gli scorci con edifici legati al passato. 
La Rautatientori è la piazza dove si trova la Stazione, costruita in stile art-noveau, ed è una delle più animate della città. 



Di qui si può percorrere la Mannerheimintie, che arriva nella parte nord-occidentale della città e ospita alcuni edifici interessanti come il Palazzo del Parlamento, del 1931, preceduto da un’ampia gradinata, il Museo Nazionale e, immerso nella vegetazione che costeggia il lago Toolo, il bianco Finlandia-Talo, il palazzo per concerti e congressi, una delle opere più prestigiose di Alvar Aalto, realizzato negli anni 1967-71. All'ingresso del palazzo la lunga scritta “FINLANDIA” dove ci si può fermare a fare qualche fotografia ricordo.



Helsinki è stata anche Città Olimpica (nel 1952) e il grande Parco Tolo ospita ancora oggi gli stadi del ghiaccio, nuoto e calcio. Lo stadio olimpico è affiancato da un'alta torre, che offre una suggestiva veduta sul lago (gelato) e sulla città.
Da non perdere una passeggiata nel Parco di Sibelius, dove si trova il caratteristico monumento a canne dedicato al musicista.   



Il monumento più fotografato della città è forse la Tuomiokirkko, la cattedrale luterana dedicata a San Nicola, che sorge bianchissima in posizione elevata sulla piazza dove si trovano il Palazzo sede della Presidenza del Governo e Ministero degli Esteri.  



Una passeggiata lungo l’Esplanadi, la più bella e famosa strada di Helsinki, ci porta al luogo di partenza dei traghetti per Suomenlinna, la fortezza edificata su un arcipelago di sei isolette situate proprio di fronte alla città. 
Dalla nave possiamo godere lo spettacolo del ghiaccio che si rompe al passaggio del traghetto e il colpo d’occhio sulla città che, vista dal mare, è davvero molto bella, sovrastata dalla bianchissima Tuomiokirkko. 
Tentiamo anche di fare qualche fotografia ma la temperatura è tutt'altro che primaverile (siamo ancora a -6°) e l’aria gelida che arriva dal mare ci costringe all’interno del traghetto. 


Suomenlinna è una fortezza costruita a partire dal 1748 dall’ammiraglio svedese Ehrensvard, per la difesa di tre distinti regni: Svezia, Finlandia e Russia ed è stata inserita, nel 1991 nel sito UNESCO come esempio unico di architettura militare in Europa.

Un’altra gita che è potete organizzare partendo da Turku (un’ora di treno) è la visita di Tampere, terza città più grande della Finlandia e città interna più grande dei paesi nordici. 
Centro di alta tecnologia e ricerca ospita anche molti eventi culturali come il Tampere Film Festival (a inizio marzo) o il Tammerfest, rassegna musicale, che la rendono una città effervescente e mondana. 
La prima telefonata dalla rete GSM al mondo è stata effettuata a Tampere; il centro ricerche della Nokia, infatti dista soltanto 10 km dal centro città. 

Tampere è posizionata su un istmo tra i laghi Nasijarvi e Pyhajarvi.
La Keskustori, è la piazza più importante, il vero cuore della città, che richiama gente tutto l’anno. 
Nella piazza si trova il Raatihuone (il municipio 1890), il teatro (1912) e la chiesa vecchia costruita nel 1824 in legno (Vahna Kirkko), con campanile isolato e biblioteca.



Nei quartieri settentrionali sorgono due bellissimi parchi. 
Il Sarkanniemi che comprende una torre panoramica, uno zoo per bambini, un acquario e un planetario e il Pyynikki. Quest’ultimo sorge su una simpatica collina e ospita una torre di osservazione sulla quale è possibile salire gratuitamente per godere del tipico panorama finlandese tra verdi foreste e da laghetti (ghiacciati). 



Arrivati alla torre non fatevi scoraggiare dalla lunga coda…… non è per la torre … è per le squisite ciambelle che vendono al baretto sotto la torre (a detta loro sono le migliori di Finlandia).

Se poi siete dei “nostalgici” dei regimi sovietici potete fare una capatina al Museo Lenin che, con la caduta del regime, è rimasto l’unico museo stabile su Lenin al mondo.  


Dopo queste intense giornate si torna a casa.
Un rapido sguardo dal finestrino dell’aereo ci permette di vedere ancora una volta lo straordinario paesaggio finlandese che, all'alba, è ancora più bello… 



Simonetta ama i viaggi in libertà (escludendo i soggiorni che la annoiano un po') perché le consentono di definire un itinerario sulla base delle inclinazioni e interessi personali, magari 
andando a modificare il percorso strada facendo. E' convinta che si sia sempre un posto bellissimo e inaspettato che ad ogni viaggio si ha occasione di incontrare.
Viaggia con il marito e con Matteo, il suo "bimbo" ormai adolescente. Fin da quando era piccolo (il suo primo viaggio è stato a un  mese e mezzo) ha sempre cercato di trasmettergli la curiosità per luoghi, popoli ed usanze diverse dal quotidiano.

I viaggi in camper sono i suoi preferiti perchè così ha sempre potuto portare con anche il bassottino Cico, che è arrivato fino al Circolo Polare Artico!  


giovedì 14 novembre 2013

Ospite del mese - Novembre 2013

Bentornati all'appuntamento con l'ospite del mese!!
Oggi ospitiamo un'amica che, sono quasi certa, ritroverete presto tra le pagine del nostro blog.

Ecco la presentazione di Simonetta...e domani non perdetevi il suo racconto, vale davvero la pena!



Simonetta ama i viaggi in libertà (escludendo i soggiorni che la annoiano un po') perché le consentono di definire un itinerario sulla base delle inclinazioni e interessi personali, magari 
andando a modificare il percorso strada facendo. E' convinta che si sia sempre un posto bellissimo e inaspettato che ad ogni viaggio si ha occasione di incontrare.
Viaggia con il marito e con Matteo, il suo "bimbo" ormai adolescente. Fin da quando era piccolo (il suo primo viaggio è stato a un  mese e mezzo) ha sempre cercato di trasmettergli la curiosità per luoghi, popoli ed usanze diverse dal quotidiano.
I viaggi in camper sono i suoi preferiti perchè così ha sempre potuto portare anche il bassottino Cico, che è arrivato fino al Circolo Polare Artico!