lunedì 3 marzo 2014

Il primo giorno da expat

Sono in Svezia da poco più di 24 ore e il bilancio della prima giornata è decisamente positiva.
Se, dunque, come si dice chi ben comincia è a metà dell'opera...io sono ottimista. 
Domani ci sarà l'inizio sul lavoro e spero che anche quello vada bene.

Vorrei fissare "a caldo" le impressioni del primo giorno...magari per rileggerle poi tra alcuni mesi quando mi sarò già integrata nella routine.

Lo stupore di una domenica di pioggia l'ho avuto nel primo pomeriggio quando, facendo un salto in centro per recuperare un piccolo elettrodomestico che non può mancare nella mia cucina [il frullatore ad immersione], mi sono resa conto di quanta gente ci fosse in giro.
Ha piovigginato tutto il giorno qui, ma nonostante tutto la gente non si è fatta intimorire. 
Di ombrelli per strada se ne sono visti ben pochi e dopo aver fatto 100 metri con il mio aperto sulla testa ho capito il perchè: la pioggia è talmente fine che non vale la pena di aprire l'ombrello, anche perchè ti bagni comunque. 
Meglio quindi il cappuccio del giaccone oppure un berretto, tanto per preservare i capelli un po' asciutti.



Dopo di che, facendo acquisti nei negozi, ho scoperto che un po' come da noi anche qui ci sono un sacco di tessere e carte fedeltà. 
Conoscerete tutti la mia proverbiale propensione ad avere ogni tessera possibile ed immaginabile, e intuirete quindi il mio disappunto quando ho scoperto che per sottoscrivere alla raccolta punti sia necessario avere un "Personnummer", una sorta di codice fiscale per intenderci.
Ho fatto domanda di immigrazione tempo fa e so che sono arrivati dei documenti per me in ufficio; domani scoprirò se ho un Temporary Personnummer che mi darà la possibilità di ottenere le tanto agognate tessere :)

Riflettendo sulla giornata di oggi e su come vedo i prossimi mesi posso con assoluta certezza affermare alcune cose:

  • camminerò molto di più di quanto sia abituata a fare in Italia. Non avendo l'automobile ne approfitterò per utilizzare le care e vecchie gambe, nonchè i mezzi pubblici che qui sono super efficienti
  • avrò sovente amici a casa e cucinerò italiano. Mi piace avere gente intorno e mi piace cucinare: un connubio perfetto se si pensa che agli amici svedesi la cucina italiana piace alquanto
  • imparerò a fare il bucato non quando serve o quando ne ho bisogno, ma a giorni ed orari prestabiliti...ma questa è un'altra storia di cui vi parlerò nei prossimi giorni.
Ubicazione: Göteborg, Svezia

0 commenti:

Posta un commento

Il tuo commento alimenta il mio blog :)
Grazie!