sabato 24 maggio 2014

Savigliano sacra ...un itinerario originale

Savigliano ci è entrata un po' nel cuore, lo ammettiamo.
E' stata la cittadina che ci ha ospitate per il primo Viaggi & Delizie Day e l'accoglienza che l'Ufficio del Turismo ci ha riservato è stata eccezionale.
Per chiarire le cose, dato che magari la gente può pensare "certo, siete blogger, si sa che poi scrivete di quello che visitate quindi vi trattano magari diversamente" vi sveliamo che durante il V&D day ci siamo presentate all'Ufficio del Turismo come 4 semplici turiste e solo dopo aver pagato il biglietto della visita e di fatto durante la visita stessa abbiamo spiegato il perché del nostro fotografare, prendere appunti e "trafficare" con smartphone e tablet.

Durante la giornata internazionale della Guida Turistica, oltre a partecipare alla visita "Ville e Giardini" di cui abbiamo parlato qualche giorno fa, nel pomeriggio abbiamo scelto di visitare Savigliano da un'altra prospettiva aggregandoci alla visita "Savigliano sacra".

Sempre accompagnati da Paolo, abbiamo iniziato la nostra passeggiata tra le chiese ed i luoghi votivi e di culto dalla Confraternità della Pietà, situata in piazza Cesare Battisti, riedificata da Gian Giacomo Plantery tra il 1708 ed il 1722. 
Quello che più ci ha colpiti è stata la facciata che presenta un'alquanto accentuata verticalità, quasi certamente dovuta alla presenza di altre case adiacenti che sono nel frattempo state demolite.

Questa chiesa racchiude dei veri e propri tesori come la Statua del Cristo Risorto, realizzata tra il 1722 ed il 1725 dallo scultore Carlo Giuseppe Plura, che per mezzo di argani e macchinari ancora oggi utilizzati viene sollevata tra l'altare maggiore e la parete del coro a rappresentare la Resurrezione di Cristo e portata in processione per le vie di Savigliano durante il periodo pasquale.




Molto interessante anche la tela della Pietà, posta sull'altare maggiore, datata 1650 e firmata da Jean Charet.
Degne di nota sono anche le cappelle lateriali della Pietà e della Resurrezione che furono decorate con finte prospettive da Pietro Beltramelli.

Proseguendo la visita la tappa successiva è stata quella al Chiostro di San Pietro, adiacente l'omonima chiesa, di forma quadrata circondato da un porticato a piano terra e da finestre in corrispondenza delle varie celle al primo piano, ultimato nel 1621.
Il magnifico giardino, recentemente riportato agli antichi splendori, ha la forma claustrale ed al centro si trova un particolare pozzo ottagonale.




La Chiesa di San Pietro, proprio accanto al Chiostro,  è divisa in tre navate e quella centrale termina con un'abside semicircolare. Ma la parte più interessante della visita a questa chiesa è senza dubbio quella alle otto cappelle lungo le navate laterali. Proprio in una di queste si possono ammirare due grandi affreschi - il Martirio di San Pietro ed il Martirio di San Paolo. Ma ogni cappella ha il suo dipinto, la sua tela e la sua statua di particolare rilievo.

Altre Chiese, altre Confraternite, altri Musei meritano in Savigliano una visita approfondita e sono certa che leggerete presto ancora di questa cittadina.



Ubicazione: 12038 Savigliano CN, Italia

0 commenti:

Posta un commento

Il tuo commento alimenta il mio blog :)
Grazie!