giovedì 23 ottobre 2014

Cartoline dalla Giordania

Spesso le fotografie raccontano più di mille parole.
Ma soprattutto, per me, le fotografie sono un modo per ricordare i momenti, i dettagli, i particolari.
Per le foto dei paesaggi, mi affido alla mia cara reflex , mentre per gli istanti e i momenti che voglio catturare velocemente non posso fare a meno di "sguainare" il mio iPhone come fosse una spada e cliccare.

In Giordania ho scattato moltissime fotografie con l'iPhone e le ho spesso pubblicate su Instagram, per raccontare quasi in diretta le mie emozioni e le mie sensazioni.
Ed è così che voglio seguire un filo emozionale e rivedere con voi quello che più mi ha colpito di questa terra selvaggia, ma molto civilizzata, arida ma con un cuore grande, calda e accogliente.

Sono fotografie "alla rinfusa", di quelle che quando le guardo ho la pelle d'oca, i lucciconi e vorrei avere il teletrasporto per catapultarmi di nuovo in Giordania. Sono anche quelle che mi fanno venire l'acquolina in bocca o la voglia di abbracciare forte il "branco di cuori", cioè i miei compagni di viaggio.

Ma soprattutto quelle che mi hanno fatto sussurrare #iorimangoqui!


I campi tendati dei beduini sono una delle cose che più mi rimarranno impresse. Gente che si sposta con gli animali e vive felice con poche cose sotto tende molto spartane

Quanto fascino regalano i caftani e le kefie. La gente del deserto ha il suo stile particolare.

Petra: un tuffo al cuore. Un momento magico, di quelli che stai in silenzio, ti isoli dal mondo e dici "io sono arrivata qui davanti a questa meraviglia"

I volti delle persone che ho incontrato mi hanno affascinata. Persone sorridenti, ospitali e mai invadenti.

I momenti goliardici con il branco di cuori...come dimenticare le risate in bus o la sera tardi su whatsapp?

I dettagli fanno la differenza. E le piccole cose attirano lo sguardo.

I luoghi della fede, che ti portano a riflettere. Ti portano a mettere via la macchina fotografica e a pensare.

Il deserto, la kefia, il tramonto, gli amici. Parole sparse che racchiudono sensazioni uniche.

Il cibo unico, i sapori mediorientali. E i datteri, di cui io vado pazza!

Le rovine romane, adagiate sulle colline di Amman a ricordo delle origini.

Il mar morto, dove si galleggia a pancia in su e dove una goccia d'acqua sull'angolo della palpebra mi ha fatto bruciare l'occhio per almeno 15 minuti. 

Il relax, il benessere e, mettiamocelo pure, il lusso. Perchè in Giordania siamo stati davvero coccolati!


Viaggi & Delizie ringrazia Volagratis e il Jordan Tourism Board per aver avuto l'opportunità di visitare questa terra meravigliosa con #VolagratisJN e #shareyourjordan

4 commenti:

  1. Che meraviglia! Mi ha ricorda vagamente l'Oman che ho avuto al fortuna di visitare un paio di anni fa.
    (i datteri buonissimi anche là!!:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che ultimamente l'Oman mi attira molto? Ho visto di recente foto di amiche che ci sono state e devo dire che l'ho inserito tra le prossime mete da sogno :)

      Elimina
  2. Malinconia di Giordania e di cuori! Stasera vorrei essere in mezzo al deserto a ballare e fumare shisha con voi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah che bei ricordi! Anche il piccolo incidente finale :)

      Elimina

Il tuo commento alimenta il mio blog :)
Grazie!