giovedì 25 agosto 2016

Gothenburg and his green world

In Sweden nature is a serious matter.
The country is mainly covered by woods and forests, lakes and green areas, and the population density is really negligible: about 22 inhabitants per square km.
There also are big cities, like Gothenburg, for example, that after Stockholm is the second largest by population and extension.
Even within cities, however, you can find a lot of green areas and Gothenburg by itself has more than 200 hectares of natural parkland and gardens: a green and active throbbing heart.




Slottskogen, Botaniska Trädgården and Trädgårdsföreningen are the three main green areas of the city, the most central and well known by tourists.
In all districts, then, there are smaller parks mostly known by locals: one of these, the Östra Kyrkogården was the one closest to my home during the period when I lived in the city. It 's basically a graveyard, but here it is normal to jog and stroll in a park among or aside tombstones.


Slottskogen is the park where families from Gothenburg spend a lot of time outdoors: relax, practice sports and organize picnics with friends. Inside there is also a Zoo, with free admission, with activities organized for visitors of all ages.
Slottskogen Zoo is one of the oldest in Sweden and most of the animals here are indigenous, those of Sweden and the other Nordic countries: elk, reindeer, deer, goats from Öland and ponies from Gotland , to name a few.


The park is the perfect place for those who love outdoor sports, both in summer and in winter. There are both paved and unpaved trails for jogging, nordic walking, skating.

It can also work as a team or recreational activities area, in fields among a grove and the other: in fact it is not rare to see groups of young people playing frisbee, volleyball or a football match.




For children, then, it is the best: here there is one of the largest playgrounds with tools that stimulate new activities and tickle the imagination.

The picnic area is what I prefer; on top of  having areas on which hanging the blankets and tablecloths to eat the sandwiches brought from home, you can also use the equipment made available to everybody to whip up a barbecue: well organized and spacious grills, tables and benches wood, drinking fountains for rinsing are available to all not far from the playground for children.
During summer the park hosts several evening events, such as concerts and music festivals: the most known is the Way Out West Music Festival held in August.
To reach Slottskogen from the center, one of the more practical tram stops is Linnéplatsen. You can take trams 1, 2 or 6 and the bus 25 or 52.

The Botaniska Trädagården [botanical garden] that is located in the south west compared to the city center, is my favorite park. It covers about 40 hectares and there you can walk through the well-tended paths among trees and bushes through different environments: from the pond to the corner of the rhododendrons, from the rock garden that encloses a majestic waterfall to the herb garden. In the Botanical Garden there are about 16,000 different species of plants and large greenhouses; a few dozen meters from the entrance you will find a wide variety of orchids, from the most common to the tropical and rare, as well as a very rare Toromiro tree, coming from Easter Islands.


The garden of the bulbs contains one of the largest collections of bulbs in the world and the varieties preserved here range from the classic European Mediterranean bulbs up to those grown in dry climates: daffodili, tulips and iris are among the best known and admired.
In spring and early summer, the garden is full of flowers of all kinds, and one is dazzled by the colors and intoxicated by the perfume.
There is a very interesting area, the one called Wood Anemone Valley: the ground is almost entirely covered with petals, as in a real colored snowfall.
About midway through the recommended route, you arrive in the area of ​​rhododendrons, where you can find species from all over the world, from Asia to North America and Europe; in early summer flowering gives different colors paths, from deep red to pink, from pale pink to white.
The Botaniska Trädagården can be reached by tram 1, 2, 7 and 8 and the stop is named after it.



Not to move too far from downtown, but to enjoy the tranquility and green, I often find myself walking to Trädgårdsföreningen, the Garden Society, which has one of its entrances on Kungsportsavenyn.
It's the ideal place for a morning walk or to spend some time in peace.

This garden is one of the best preserved parks in Europe with a structure and a system created in the nineteenth century.
The historic buildings and greenhouses, resting between well-kept lawns and carpets of exotic and native plants, make you imagine the golden era of horticulture. A beautiful arboretum and a rose garden with a remarkable collection of plants makes the park very interesting for botany enthusiasts and for those who love garden landscaping.


Here often events and seminars are organized or even courses and exhibitions of plants and flowers.
One of the two greenhouses, with a beautiful Art Nouveau style, contains a significant amount and variety of plants, mostly tropical, and a palm grove. Imagine how enjoyable can be entering here on cold winter days: the temperature is of course always constant, thus allowing you to enjoy a pleasant warmth even on cold days when the cold wind does not let up.






martedì 23 agosto 2016

Rifugio Alpe Piazza nelle Valli del Bitto

Lo scorso settembre abbiamo colto l'occasione del Volo sulla Valtellina con Flyemotion per tornare a frequentare le mie montagne del cuore. Ormai trapiantata in Piemonte da alcuni anni, trascorro le mie domeniche sulle montagne della Val Chisone e Val Pellice ma le mie preferite rimangono quelle Lombarde, dove ho trascorso l'infanzia in vacanza con gli zii e dove appena arrivo sento profumo di montagna (non voletemene male piemontesi, ma il profumo dell'erica li è così travolgente...). Così cercando sul sito di Flyemotion nella sezione "Dove Dormire" e "Dove mangiare" ho trovato alcuni rifugi nella Valle di Albaredo San Marco altrimenti detta Valle del Bitto e la scelta è caduta sul Rifugio Alpe Piazza, nel Parco delle Orobie Valtellinesi, gestito con passione da Nadia ed Eugenio e "caricatore" appunto di Bitto DOC.
Rifugio Alpe Piazza e Casera di Stagionatura del Bitto
Rifugio Alpe Piazza e Casera di Stagionatura del Bitto
Il rifugio Alpe Piazza, situato a 1835m slm è raggiungibile tramite un percorso non particolarmente impegnativo dal Sentiero Scoccia in un'ora abbondante di camminata oppure in auto tramite una strada carrozzabile fino alla località Cornelli, a circa 15 minuti dal rifugio. 
Sentiero Scoccia per il Rifugio Alpe Piazza - Albaredo San Marco
Sentiero Scoccia per il Rifugio Alpe Piazza - Albaredo San Marco
Capra Razza Orobica
Percorrendo il sentiero si passa attraverso pascoli di mucche e di capre di razza Orobica. Entrambi gli animali vengono munti esclusivamente in quota per la produzione del Bitto DOP da giugno a settembre, cioè quando gli animali si trovano al pascolo negli alpeggi. La "vacanza" in alpeggio degli animali termina quando l'estate cede il passo all'autunno o quando i pascoli in quota sono ormai completamente consumati ed il paesaggio si presenta non più color verde prato, ma color paglia. Le mucche fanno così ritorno a valle nelle stalle dove si da il via alla produzione di altri formaggi valtellinesi quali il Casera, il Latteria o lo Scimut.

Durante la stagione di produzione del Bitto DOP invece questa avviene nei cosiddetti calech, rifugi temporanei formati da un muretto a secco alto circa un metro e un telo sotto il quale mucche e capre vengono munte e il latte lavorato immediatamente per non perdere le sue preziose proprietà date dall'alta quota e dall'erba fresca consumata dagli animali. Una volta esaurito e concimato il pascolo circostante il calech, i pastori tolgono il telo e si muovono verso un calech a quota più alta dove per i giorni successivi si svolgono le operazioni di mungitura e lavorazione del latte.
Lavorazione del latte nel Calech serata il Bitto e le stelle 2015
Lavorazione del latte di mucca e di capra orobica nel Calech - serata il Bitto e le stelle 2015
Una volta formato il formaggio questo viene spostato alla Casera di stagionatura in quota dove rimane fino alla fine della stagione a riposare su assi di larice. Il rifugio Alpe Piazza dispone di una casera proprio vicino al rifugio dove stagionano le forme prodotte durante l'estate prima di essere portate nelle Casere di Stagionatura a Valle dove possono rimanere anche oltre i dieci anni.
Forme di Bitto DOP in stagionatura della Casera del Rifugio Alpe Piazza
Forme di Bitto DOP in stagionatura nella Casera del Rifugio Alpe Piazza
Il Bitto è uno dei pochi formaggi la cui stagionatura può essere protratta senza paura per oltre dieci anni. Durante la serata Il Bitto e le Stelle, organizzata dall'agriturismo La Fiorida per celebrare il Re dei Formaggi della Valtellina abbiamo avuto l'onore di assaggiare alcune forme di sette, otto, nove e dieci anni e possiamo dire che tutte le annate erano ottime seppur assolutamente diverse tra loro e diversi gli utilizzi in cucina.

Il Rifugio Alpe Piazza è frequentato anche di inverno da ciaspolatori e scialpinisti diretti alla Cima Leguj, ha un'ampia sala da pranzo che offre piatti tipici della tradizione Valtellinese alcuni fatti proprio con il Bitto e la Mascherpa prodotti in rifugio. 
Pizzoccheri e Risotto al Bitto, Salame e Bresaola, Bitto e Casera, Polenta Taragna e Costine di Maiale
Pizzoccheri e Risotto al Bitto, Salame e Bresaola, Bitto e Casera, Polenta Taragna e Costine di Maiale
Dotato di un'ampia camerata ed alcune camere più piccole e riservate è frequentato sia da gruppi che da famiglie e coppie; Nadia la titolare del rifugio è molto amante degli animali e ci ha consentito di tenere nella nostra camera doppia anche il nostro cane, cosa non frequente nei rifugi alpini e per me di valore inestimabile. Inoltre avendo lei stessa un cane maschio è stata particolarmente attenta alle sue uscite per evitare "discussioni canine".

Ogni anno Nadia organizza Campi Estivi per ragazzi dagli 8 ai 12 anni alla riscoperta delle tradizioni alpine tra cui indubbiamente la produzione del Bitto ma anche l'osservazione del territorio e della fauna, il programma prosegue anche nella stagione autunnale con incontri e brevi soggiorni in rifugio per le scuole primarie e secondarie.

Tra le escursioni fattibili partendo dal Rifugio Alpe Piazza abbiamo il Monte Pisello (circa 45'), il Monte Lago (circa 2h 30') e il Laghetto Alpe Lago (circa 1h 30'). 

domenica 21 agosto 2016

Museums in Torino: the National Museum of Italian Renaissance

One of my favourite museum in Torino is the National Museum of Italian Renaissance. It is indeed very interesting for me and italian people to visit it, in order to see historical evidence, but I think it could be even more interesting for foreigners curious to know about italian history.
By the way, did you know that Torino was the first italian capital city?

The Museum was closed after the 2006 Winter Olympic Games for a restoration that lasted about five years. It in fact re-opened in March 2011, during the celebrations for the 150th anniversary of the Unification of Italy.
The first thing I learned is that this is the first and most important Museum of the Renaissance [or Risorgimento as it is called in italian] in Italy, the only one who has the title of National, thanks to the quality and richness of the collections.



The Museum of the Italian Risorgimento of Turin is located inside the historic and magnificent Palazzo Carignano, one of the greatest examples of Baroque architecture in the city.

The palace is overlooking the homonymous square Carignano, but to access the museum you can also enter from the other side of the palace: there is an entry to the court also from Piazza Carlo Alberto.
The peculiarity of this building is given by the two facades: one with red bricks on Piazza Carignano was designed by the architect Guarino Guarini, in typical Piedmontese Baroque; the other one, in nineteenth century style, overlooking piazza Carlo Alberto, was built thanks to the expansion of the building and is in an eclectic style with white stone and pink stucco.



The 29 exhibition rooms of the museum are tracing the history since the great European revolutions until the expedition of the Thousands, with Garibaldi, and the unification of Italy in order to finish with a room dedicated to the Great War.
The main attraction of the museum is certainly the Subalpine Parliament Hall, the site where the first italian parliament used to meet, which can be seen through the windows in all its originality and elegance.



One of the things that has impressed me during the visit is the distinctly modern display; there are different rooms, each in a different color, presenting works or relics of the period, and are accompanied by detailed descriptions and multimedia contributions.

A special praise goes to the usability of the site to people with disabilities; in addition to avoiding architectural barriers for people with mobility problems, even the visually impaired or blind people can follow the explanations either through the films screened in most of the rooms, or by panels written in Braille and relief designs depicting the main works exposed in every room.



The first rooms introduce the situation of the Kingdom of Sardinia during the period of the great European revolutions, starting from the French and then Italian in the Napoleonic period, when Piedmont was annexed to France.
The map in the parquet floor, that shows the period when the French empire extended to the Po Valley is really beautiful.



Many rooms are then dedicated to the period of the Restoration, the secret societies and the people insurrections. One of the small rooms is reserved to the reconstruction of Silvio Pellico cell in the Spielberg prison in Brno.

Visiting the Museum, remember to look up and admire not only the exhibition, but also the frescoed ceilings of the palace. They deserve much.



Continuing in the halls and in history, here comes the period of moderate rulers and epochal reforms: we find the famous Albertine Statute which, among other things, tolerate the worship of religions other than Catholic.

Among the exhibits there are not only sculptures, paintings and documents, but also many clothes and even more impressive apparels: one among them is the tent camp of the king during the First War of Independence.

The Subalpine Parliament, in my opinion, is what alone worth the visit to the Museum.
Very interesting it is to see the portraits of the various parliamentary hanging out of the room and designed to recognize known names from history books.

The Crimean War and the Paris Congress allow us to follow the historical events prior to the Expedition of the Thousand.
An imposing sculpture of Garibaldi on horseback welcomes us in the first room dedicated to the world famous action and those following are entirely dedicated to the unification of Italy and the bourgeois age.



The visit ends in the great hall that hosted the main hall of the Italian Chamber but was never staged because the capital city was moved first to Florence in 1865 and then to Rome in 1871.
The remarkable grandeur of the hall houses paintings of the Savoy collection that couldn't be exposed elsewhere due o huge dimensions.

The Museum is open from Tuesday to Sunday from 10:00 to 18:00 (last admission at 17:00).
The price of the ticket is 10 € and reductions are available.
Warning: if you would like taking pictures or movies at the museum, you need to pay 2 € extra and get a sticker to put on your jacket.


venerdì 19 agosto 2016

Una dimora d'altri tempi: Villa Braghieri a Castel San Giovanni

Con le vacanze , il bel tempo e la voglia delle passeggiate in mezzo alla natura, si può progettare un weekend nelle città di mare, di montagna o, perché no, d'arte. 
Proprio perché è  territorio ricco d'arte, di ville e di castelli, vi vogliamo suggerire un'escursione in Val Tidone ad iniziare da Castel San Giovanni, cittadina posta sul confine tra l'Emilia Romagna e la Lombardia
In questa città abbiamo visitato, a fine ottobre scorso, accompagnati dal vice sindaco Rag. Cattaneo e con la preziosa guida del signor Gandini, una bella dimora d'altri tempi : Villa Braghieri.

La storia racconta che uno dei primi proprietari della Villa fu il conte Daniele Chiapponi, il quale, attorno al 1690, ne avvia la trasformazione da vecchia casa rurale in un più raffinato Casino di campagna. In seguito altre fasi di ristrutturazioni  saranno avviate dalla figlia Teodora e dal genero del conte Chiapponi, Annibale Adeodato Scotti di Castelbosco, i quali entrambi amano l'architettura e sanno attorniarsi da famosi artisti. 
Sarà il nipote di Teodora, Carlo, a far assumere alla Villa l'aspetto e la dimensione attuale. 


Dopo passaggi di proprietà per vendita o eredità nel 1902 diventa proprietaria la famiglia Braghieri i cui ultimi discendenti furono  i fratelli Carlo e Teresa. Carlo muore nel 1952 e dispone che alla morte dell'ultimo discendente la Villa e le proprietà terriere facciano parte della "Fondazione Braghieri" gestita dall'ente Comunale  per scopi sociali e cuturali. Nel 1971 alla morte della sorella Teresa il tutto è amministrato dall'ECA e dal 1996 diviene di piena proprietà del Comune di Castel San Giovanni.

La Villa è divisa in due blocchi, il maggiore è l'edificio residenziale, il minore comprende la parte rustica. Ora in questo secondo blocco hanno sede la Biblioteca e l'Archivio Storico mentre il blocco residenziale è costituito da ventitré stanze poste su due piani. 

La biblioteca di Villa Braghieri
Al piano terreno spiccano per il grande valore artistico la Sala dei Giochi o del Biliardo, in quanto in essa alloggia un biliardo ottocentesco acquistato da Carlo Braghieri nel 1907; alle pareti, dipinta come trompe d'oeil, è rappresentata la natura in movimento: in effetti gli alberi sembrano mossi dal vento, tale natura ricopia il giardino esterno. Ancora su questo piano si trova la Sala della Musica, così chiamata perché un tempo il suo arredo consisteva in un pianoforte di fine ottocento, in una pianola a rulli musicali ed una collezione di rulli con opere del melodramma italiano di produzione americana. Ora questi arredi sono posti in altre sale. Alle pareti sono raffigurati personaggi mitologici quali Afrodite, Zeus, Era, Atena, Demetra, Apollo, Angerona ed Artemide, tutti posti su una balaustra che percorre tutte le pareti il cui sfondo è di tipo paesaggistico con alberi in primo piano.



La Biblioteca Albesani-Braghieri, con grandi armadi contenenti i libri della famiglia Albesani prima, e della famiglia Braghieri poi, si trova subito accanto. Libri di filosofia e storia, di letteratura e d'arte, romanzi e testi di diritto sono ben sistemati negli armadi. Illumina il tavolo ovale posto al centro della stanza un lampadario liberty.
La Cappella, ricavata in uno degli ammezzati voluti da Carlo Scotti a fine Settecento e consacrata con concessione di Papa Pio VIII, contiene sulla parete frontale l'altare con decorazioni in stucco; sopra l'altare è raffigurata la Passione di Cristo con ai piedi della Croce la Vergine e San Giovanni.



Lo scalone che porta al piano superiore è realizzato con gradini in pietra, lo compongono tre rampe delimitate da una balaustra in ferro battuto.



Al piano superiore si fanno notare la Camera Svizzera per la sua decorazione con Papiers Peints Panoramiques raffiguranti paesaggi e natura: era la camera da letto invernale dei coniugi Braghieri; la Camera dell'Angelo, dove si è subito catturati dalla cornice posta tra parete e soffitto contenente un putto alato che invita al silenzio; ma tra tutte le stanze, quella che colpisce maggiormente e attira la mia curiosità è sicuramente il Salone d'Onore, di forma rettangolare, è la stanza centrale del piano superiore, illuminata da quattro finestre e decorata da raffinati finti stucchi, è il cuore della vita mondana della Villa, dove furono ospiti Isabella di Borbone, Filippo di Borbone , Maria Amalia di Asburgo Lorena; singolare è poi il Camerino da bagno Rosa, rosa per la tenue tinta da cui sono tinteggiate le pareti sulle quali spiccano dipinte fontane, amorini, figure femminili, mentre i lavamani appesi alle pareti sono dipinti a motivi floreali; la Camera dei Ventagli incuriosisce per i quattro ventagli che si aprono ai quattro angoli della stanza e raffigurano scene mitologiche.



Per una visita completa di Villa Braghieri non si può tralasciare una passeggiata nel giardino costituito principalmente da prato verde e grandi alberi, né uno sguardo al Museo Etnografico, ospitato nei locali cantina della Villa, che testimonia una passata vita contadina.

mercoledì 17 agosto 2016

Gelato senza glutine a Roma: Gelateria Cinque

Per una golosa come me, l'intolleranza al glutine e al latte diventa ancora più dura l'estate: difficile trovare gelati degni della fama che l'Italia ha in questo campo, quindi ad ogni gelateria che trovo in giro mi fermo e chiedo se offrono prodotti gluten e lactose free.

Ultimamente ne ho scoperta una veramente speciale a Roma, si chiama Gelateria Cinque si trova nel quartiere Prati, vicino la fermata della metro Ottaviano, a due passi da San Pietro, da Castel Sant'Angelo e da Via Ottaviano, uno dei posti dove amo andare a fare shopping visto che non mi piacciono molto i centri commerciali ma prediligo le ''vie dei negozi''.


Innanzi tutto, data la mia curiosità, ho voluto scoprire un po' di storia: perchè il numero cinque nel nome? Ma per 5 buoni motivi pensati dai 5 soci del locale, mi è stato risposto!


Gianluca, l'artista che crea queste prelibatezze, con Massimiliano, Claudia, Maria e Franco sono i 5 soci che a Gennaio 2016 hanno deciso di aprire questa gelateria senza glutine. 
Cosa non si fa per un amico! Massimiliano, infatti, dei 5 è il celiaco del gruppo, quindi per i celiaci è garanzia di sicurezza da contaminazione mentre per gli altri posso garantire io sulla bontà del prodotto: provare per credere! 

Sempre 5 le dita della mano che serve par fare il vero gelato artigianale, mano che garantisce anche la cordialità ed in fine 5 sono i sensi che occorrono per gustare al meglio questo gelato, ma scopriamoli insieme.

Vista: appena entrate vedrete la creatività di Gianluca che, anche grazie alle richieste degli altri soci, ha unito gusti classici a gusti molto particolari



Udito: ascoltate i collaboratori, tutti ragazzi molto giovani, alcuni al loro primo lavoro, informatissimi su celiachia e intolleranze e soprattutto gentilissimi e sorridenti. 



Olfatto: l'odore del cioccolato misto al profumo di biscotto appena fatto della cialda del cono fa venire l'acquolina in bocca; i coni più piccoli sono prevalentemente fatti con farina di riso, mentre le due cialde più grandi sono fatte con amido di patate e farina di ceci.




Tatto: sicuramente se, andando d'estate, vi colerà un po' di gelato sulle dita, non potrete fare a meno di leccarle!



Per il Gusto bisognerà però scendere nel particolare, questo è un gelato i cui gusti vanno scelti ad occhi aperti, ma poi per farvi inebriare dai ricordi deve essere assaporato ad occhi chiusi.

Io li ho provati quasi tutti! 

Quello secondo me più insolito e particolare è il Curcumandorla una rivisitazione del latte d'oro (Curcuma, cannella miele, latte, olio di mandorle), saprete sicuramente che fa benissimo e, in questa versione, è anche buonissimo. La nocciola del Piemonte dal colore chiaro, insieme al pistacchio di Bronte e al limone, sono i gusti classici; l'estrema attenzione che c'è nella scelta degli ingredienti vi porterà rispettivamente in un caffè di Torino, sotto il sole della Sicilia o tra i limoneti di Amalfi. Il gusto menta e lime mi ricorda le sere d'estate, in spiaggia con il mojito; questo gusto non ha ancora un nome, voi quale suggerite?
Per vaniglia e melograno ho una parola sola: Istanbul. Chi ci è stato, come me, sa che ci sono succhi di melograno in ogni angolo e chi ci è stato con me sa che li ho provati tutti.
La zuppa inglese era il dolce che, nel mio paese, si usava per i matrimoni, quando i pranzi di nozze erano ancora organizzati a casa; il mio bisnonno, che era un cuoco, la preparava, mio nonno ne era ghiotto e ogni volta che mi raccontava gli brillavano gli occhi; io assaggiando questo gusto di gelato ho pensato a lui: se fosse ancora qui gli piacerebbe di sicuro.
L'ultimo gusto che ho provato è stato cioccolato fondente, ginseng e guaranà: un abbinamento insolito, ma ben riuscito; adoro il cioccolato soprattutto se abbinato a spezie; mi ricorda il film Chocolat.

In poche parole, posso descrivere questa gelateria dicendo che i ragazzi hanno molta fantasia nel suggerire gli abbinamenti e il gelataio è veramente molto bravo.


Se però non volete un vero e proprio gelato, ma qualcosa di più sfizioso, vi consiglio le praline: sotto una croccante copertura di cioccolato troverete un cuore morbido di gelato al gusto che preferite, ideali anche da asporto, per un dolce diverso a fine pasto o a conclusione di una serata stile finger food. Se amate poi i gusti frutta, li potete gustare in forma di sorbetto, sembrano ghiaccioli.









Come già detto il gelato è senza glutine e molti gusti sono anche senza lattosio, ma c'è una cosa che vorrei sottolineare, e chi è celiaco capirà: i prezzi come in una qualsiasi gelateria, nessun supplemento, ne limite al numero di gusti.



lunedì 15 agosto 2016

Ad Assisi con l'ospite del mese

Vent'anni dopo la gita scolastica ad Assisi ho deciso di tornare nella splendida terra umbra e, complice la gita organizzata da un caro amico, ho preso la palla al balzo, ho preparato la valigia e sono partita per un lungo weekend nel cuore verde dell'Italia.



La base per questi tre giorni è Poggio Fiorito Country House, un agriturismo a 5 minuti d'auto da Assisi, gestito da una giovane ragazza. Qui troviamo un'eccellente ospitalità: Stefania è una perfetta padrona di casa, sa bene come mettere a proprio agio gli ospiti; la cosa che mi colpisce più di lei è che si ricorda perfettamente i nomi di tutti quanti.
La struttura dispone di una bellissima piscina dalla quale si gode una bella vista sulla campagna circostante e sulla città di Assisi.



Ogni camera ha il nome di un fiore e tutte affacciano sul prato e hanno una zona relax appena fuori dalla porta, con tavolo e sedie.



I prodotti della colazione sono tutti fatti in casa e, su richiesta, c'è la possibilità anche di avere cibi senza glutine, vegetariani e vegani.
L'agriturismo ha anche un ristorante che propone menu fissi o delle gran belle grigliate a bordo piscina: noi abbiamo avuto l'occasione di partecipare ad una di queste e ci siamo davvero divertiti!

Durante una delle tre giornate visitiamo Assisi, accompagnati da Francesca Boncompagni, una guida turistica molto preparata suggeritaci da un'amica di Mantova. Seguendo le spiegazioni di Francesca anche un neofita di arte e storia riesce ad appassionarsi ed a godere delle meraviglie della città di San Francesco.



Oltre alla ben nota Basilica di San Francesco, con la parte superiore ed inferiore, con gli affreschi di Giotto rappresentanti la vita del Santo, visitiamo anche la Basilica di Santa Chiara, mano famosa ma altrettanto bella. Spostandoci poi tra le due chiese abbiamo modo di apprezzare le bellezze del centro storico. Assisi è una cittadina da esplorare in modo lento e tranquillo; qui tutto sembra avere un'aura di pace e quiete.
Durante la visita alla Basilica di San Francesco, scendendo nella parte inferiore per vedere la tomba del Santo, mi colpisce in particolar modo il silenzio e l'atteggiamento di alcuni fedeli, quasi in estasi al cospetto delle spoglie.




La giornata ad Assisi si conclude poi nel migliore dei modi: a cena all'Osteria Piazzetta dell'Erba, nel cuore del centro storico.
Anche questo locale è gestito da ragazzi giovani e tra le proposte del menu abbiamo apprezzato i taglieri di salumi locali [molto tipici in questa zona] e un prelibato dolce: un tortino di pistacchio con ripieno di lampone; da leccarsi i baffi!



Nei dintorni di Assisi, durante le altre giornate di permanenza, possiamo ammirare l'inizio della fioritura delle lenticchie a Castelluccio di Norcia, facciamo acquisti golosi nelle norcinerie dell'omonima città e facciamo una breve tappa a Perugia.



L'ultimo giorno, prima di riprendere la via di casa, visitiamo la bella cittadina di Gubbio dove si dice che San Francesco abbia incontrato il lupo.



domenica 14 agosto 2016

L'ospite del mese: agosto 2016

Eccoci nuovamente a metà mese (mamma mia il tempo passa veloce e in vacanza ancora di più, non trovate?) ed eccoci ancora all'appuntamento con l'ospite del mese.

Questo mese ci "passa a trovare" un'amica ligure: Patrizia
Ecco cosa ci racconta di lei e del suo modo di viaggiare.

Patrizia non ama viaggiare sola, ma nemmeno le grandi comitive; predilige il viaggio con amici o comunque persone che conosce perché partire da sola la renderebbe triste e non si godrebbe il viaggio appieno.
Ha iniziato a viaggiare piuttosto tardi, rispetto a chi prende e va già da teenager, grazie ad un amico con il quale si è lanciata ad esplorare l'Italia e qualche meta oltre confine.
Adesso non la ferma davvero più nessuno e il prossimo anno realizzerà il sogno di andare oltre oceano, negli USA.

venerdì 12 agosto 2016

Mangiare in Giappone, non solo sushi, sashimi o tempura

Prima di partire per il Giappone sapevo già che dal punto di vista cibo mi sarei alquanto divertita. Amo la cucina giapponese, benché la mia conoscenza [ho scoperto una volta là] fosse davvero molto limitata.
Spesso nei ristoranti giapponesi in Italia si trovano molti altri piatti oltre al classico sushi e sashimi o il tempura; quello che viene da pensare è che siano piatti cinesi proposti insieme a quelli giapponesi per accontentare chi non mangia pesce crudo.
Ravioli, riso e noodle fritti, pesce cotto... non mi sembravano piatti tipicamente giapponesi. E invece ho dovuto ricredermi, tanto è vero che la scorsa settimana, tornata in uno dei miei ristoranti giapponesi preferiti qui vicino a casa, ho osservato con più attenzione il menu e ho ritrovato i cibi che ho assaggiato nella terra del sol levante.

La cosa più interessante riguardo i ristoranti in Giappone, a cui noi non siamo assolutamente abituati, è che ognuno ha la propria specialità. In un ristorante di sushi mangerete quasi solo quello, mentre non troverete pesce crudo o ramen in un ristorante che serve tempura. Ogni locale ha la sua specialità e pertanto non aspettatevi di avere tutta la selezione in un ristorante solo. Decidete cosa mangiare e cercate quello che fa per voi!

SUSHI

Il sushi è stato uno tra i primi piatti che ho voluto assaggiare. Ero curiosa di capire le differenze e, soprattutto, di vederlo preparare da un vero chef giapponese.
La prima esperienza con il sushi è avvenuta a Fukuoka, dopo una delle sessioni della Lions Clubs International Convention, a pranzo.
Ci siamo fatti consigliare dall'hotel un ristorante dove poter assaggiare il sushi e dopo averlo cercato per almeno 15 minuti, abbiamo scoperto che molti ristoranti non si trovano al livello della strada, ma nei piani superiori o, come in questo caso, nel piano seminterrato [una conferma in più di quanto avevo letto sul Giappone].
L'atmosfera, appena entrati nel ristorante, è stata quella da film: un grande spazio centrale, dove lavoravano i cuochi, circondato da un bancone al quale sedersi e altri tavoli sparsi nella sala. Ci siamo subito accomodati al bancone, per poter godere meglio lo spettacolo. 
I cuochi, tutti con la giacca bianca e la cravatta nera, ci guardavano incuriositi, un po' come noi guardavamo loro. Uno studiarsi reciproco che è sfociato, dopo alcuni minuti, in un sorriso caloroso: nonostante la barriera della lingua, in Giappone non ci si ignora mai; il sorriso è il miglior modo per sentirsi a casa.





Ma tornando al sushi, una volta pubblicata su Facebook la foto del bellissimo piatto che ci siamo divorati con gusto, mi è stato chiesto se ci fosse differenza. La differenza c'è, eccome! Se da noi un nigiri è composto dal 60% di riso e dal 40% di pesce [quando va bene], in Giappone è quasi l'opposto o comunque sia c'è sempre un 50-50.
Dal punto di vista degli assortimenti, direi che qui da noi tendiamo a diventare talvolta troppo fantasiosi. Un po' come succede per le pizze, se vai a Napoli la lista è ridotta, così anche in Giappone c'è un'ottima scelta ma non una varietà interminabile di combinazioni.




RAMEN

Una delle scoperte più entusiasmanti della cucina Giapponese, però, è stato il ramen! Ne avevo sentito parlare, ma non lo avevo mai assaggiato, nemmeno in Italia. Non è così conosciuto e comune; qui da noi ci sono alcuni ristoranti specializzati solamente in ramen e quindi non si trova nei ristoranti giapponesi comuni. E' una zuppa di noodle in brodo (i noodle possono essere di frumento o di grano saraceno) con aggiunta di uova sode, carne, verdure.
La prima sera in Giappone, dopo un viaggio durato ben più di 24 ore, siamo approdate nel nostro hotel di Fukuoka e abbiamo chiesto al concierge di indicarci dei ristoranti comodi e buoni poco lontani. Ci ha suggerito un ristorane appena al di là del ponte rispetto all'hotel, che abbiamo scoperto poi essere una catena di ristoranti che serve ramen in tutto il Giappone.

L'inizio con il cibo giapponese e sopratutto con il ramen è stato davvero divertente: arrivati fuori dal ristorante ci sono state indicate due soluzioni per accomodarci: i tavoli oppure i separé. Abbiamo optato per i secondi, pensando di sederci una di fronte all'altra con un separé che permettesse di conversare tranquillamente. Niente di più sbagliato: i separé sono per una persona sola: in Giappone ci sono tanti single che escono a cena soli e che possono avere, in questo modo, la loro privacy e il loro spazio senza essere osservati o dover osservare gli altri. Questi spazietti sono attrezzati di tutto punto, con salse e fontanella per l'acqua. Di fronte c'è una tenda sollevata verso la zona di servizio, che viene abbassata non appena il cibo è consegnato al tavolo.

L'altra cosa che ci ha stupite e fatto sorridere, ma che abbiamo incontrato in parecchi bar e ristoranti giapponesi, è la macchinetta distributrice di biglietti, Si seleziona la pietanza scelta, si paga (rigorosamente in contanti) e si ottiene un ticket che verrà consegnato al cameriere per il servizio.



Tra i vari ramen che ho assaggiato, tutti diversi a seconda della zona in cui ci si trova e della scelta del brodo e degli ingredienti che compongono il piatto, quello che ho più amato è il Tonkotsu Ramen, o Hakata Ramen, quello tipico di Fukuoka.




La caratteristica di questo ramen, rispetto agli altri, è il brodo che viene preparato con ossa di maiale bollite: è gustosissimo e [nonostante quanto si possa pensare] meno grasso rispetto al classico brodo di pollo.

A Fukuoka (ma anche in altre città) provate il ramen da Ichiran Hakata.


TEMPURA

Anche il tempura [l'accento va sulla e e non sulla u come siamo abituati a pronunciarlo noi] è stata una bella sorpresa. Non tanto per le verdure e i gamberi pastellati di per sé, perché questi non differiscono affatto da quelli che siamo abituati a mangiare in Italia, ma dal servizio completo. Solitamente in Giappone quando si ordina un piatto, si riceve un full set: non solo il tempura, ma il riso con la salsa, la zuppa - solitamente di miso -, i sottaceti - che in Giappone sono qualcosa di stratosferico e meritano un capitolo a sé - e talvolta anche il dolce. Ecco quindi che un pasto completo non è affatto caro: noi ce la siamo sempre cavata con 10-12€ a pasto, salvo per il sushi dove bisogna mettere in conto di spendere almeno 20-22€.




OKONOMIYAKI

A Osaka ci siamo divertite ad assaggiare l'Okonomiyaki, una sorta di pancake di cavolo e uovo, cucinato alla piastra, al quale aggiungere carne o pesce e che viene servito con salsa barbecue, maionese e delle scaglie di pesce affumicato ed essiccato leggerissime che quasi si sciolgono a contatto con l'okonomiyaki. Questo è un piatto tipico di Osaka, che consiglio assolutamente di provare, così come le polpette di polpo fritte che si trovano quasi esclusivamente qui.
Parlando di cucina alla piastra non possiamo esimerci da menzionare gli Yakisoba o gli Yaki Udon, spaghetti di frumento o di grano saraceno alla piastra ai quali aggiungere carne, pesce e/o verdure. Ce ne siamo fatte una scorpacciata proprio a Osaka, dopo aver scoperto, accanto alla casa in cui abitavamo, un piccolo ristorantino che cucinava piatti alla piastra e che aveva 4 tavoli con la piastra centrale ai quali si avvicendavano decine di famiglie o gruppi di amici ogni sera. Le cuoche, che non parlavano inglese, ci sorridevano ogni volta che varcavamo la soglia e facevano di tutto per metterci a nostro agio mentre aspettavamo le pietanze come take away o che si liberasse un tavolo per cenare in loco.





GYOZA

Ricordando questi piccoli ristoranti caratteristici, poco frequentati dagli stranieri e dai turisti in quanto posizionati nei quartieri meno trafficati, non posso evitare di pensare al ristorante vicino alla casa di Tokyo. Il quartiere, a metà strada tra Shinjuku e Shibuya, era quello classico dei cartoni animati giapponesi, quasi come quello in cui viveva Spank per intenderci: casette basse con il giardinetto, piccoli condomini di due piani, strade strette e negozi caratteristici. Qui abbiamo scoperto un ristorante che preparava dei gyoza stratosferici e un riso fritto buonissimo, ma soprattutto abbiamo incontrato delle persone squisite. L'unico che parlava qualche parola di inglese era il cuoco, che usciva dalla cucina per prendere l'ordinazione e che attraverso una finestrella ci mostrava i cibi che avrebbe cucinato per noi. Non vi dico la nostra ilarità quando, saputo che eravamo italiane, ha esclamato "Italy!! Roberto Baggio!!"

I gyoza sono dei ravioli, simili ai ravioli cinesi a cui siamo più abituati, ma fatti a mezzaluna e molto più asciutti. Sono solitamente bolliti e poi passati sulla piastra oppure fritti.
I gyoza migliori li abbiamo mangiati a Kyoto, nel quartiere Gion, al ristorante Chao Chao Sanjo Kyamachi




In questo locale servono solamente gyoza, con diversi ripieni, fritti, bolliti o alla piastra. Se siete curiosi di assaggiare questa specialità e siete in città non perdetevi questo ristorante; vi raccomando però di prenotare perchè c'è sempre una lunga coda all'esterno. Se invece prenotate avete il diritto di bypassare la coda, e vedrete il vostro nome scritto sulla lavagnetta all'esterno!




YAKITORI


Succede spesso di passare davanti a ristoranti dai quali esce un profumo di griglia e, talvolta, anche un po' di fumo.

Una sera ci siamo fatti tentare dal profumo invitante degli Yakitori e siamo entrati in uno di questi locali fumosi, in cui parecchi ragazzi, coordinati da un uomo più anziano, si affaccendavano intorno ad alcune griglie poste nel mezzo del locale.

Abbiamo innanzi tutto dovuto lasciare le scarpe all'ingresso; in molti ristoranti è richiesto entrare scalzi, ma sono tutti dotati di armadietti chiusi a chiave nei quali depositare le proprie calzature.

In questo locale di Fukuoka ci siamo seduti per la prima volta per terra, su alcuni cuscini, con i tavoli bassi. E' stata una prova, perchè sinceramente stare due ore con le gambe incrociate e seduti sul pavimento non è il massimo della comodità. Per fortuna eravamo in una stanza piuttosto ampia e ci siamo potuti accomodare alla meglio, cambiando spesso posizione.


Come ogni ristorante non turistico che si rispetti, anche qui nessuno parlava inglese e quindi l'unica soluzione è stata quella di andare a vedere che cosa proponevano e scegliere i pezzi da mettere sulla griglia: abbiamo fatto un misto tra carne, pesce, interiora, salsicciotti e con l'aggiunta di pickles [sottaceti] ci siamo divertiti un mondo a mangiare cibi sconosciuti grigliati.







Abbiamo persino fatto amicizia con il tavolo accanto, dei giovani giapponesi che cenavano dopo la giornata di lavoro, che si sono scervellati mezza cena per capire di dove fossimo tentando con Spagna o Repubblica Ceca [chissà poi perchè!] e chiedendoci cosa ne pensassimo della Brexit.

KOBE BEEF

Quando ho pianificato la visita alla città di Kobe mi sono riproposta di assaggiare il famoso Manzo di Kobe.
Sì, è vero, è davvero molto caro, ma dato che non credo tornerò ancora a Kobe, mi sono concessa questo piccolo lusso. E poi era il giorno del mio compleanno!!

Il consiglio che ci era stato dato da un'altra blogger che aveva già visitato il Giappone era quello di mangiare il manzo a pranzo piuttosto che a cena, in quanto in questo momento della giornata i ristoranti offrono dei menu a prezzi più contenuti.
Ci siamo affidati all'opuscolo che ci è stato consegnato appena varcata la porta di Chinatown (Nankin Machi), che riportava i ristoranti certificati a servire il vero manzo di Kobe.
Ebbene, l'esperienza è stata davvero superlativa. Non riesco a esprimere a parole la bontà di quella carne cucinata quasi al sangue che si scioglieva in bocca in un'esplosione di gusto. 
L'idea che avevo, di non tornare più a Kobe, è cambiata nell'esatto momento in cui ho assaporato il primo boccone di Wagyu Beef. Credo che tornerò per mangiarla nuovamente.