martedì 27 marzo 2018

Dormire a... Monza - Hotel de la Ville

Un weekend inaspettato è sempre la cosa più bella. Proprio come è successo qualche mese fa, quando abbiamo deciso di andare alla scoperta di Monza.

Era da parecchio tempo che desideravo visitare questa cittadina e soprattutto la Villa Reale. 
Ogni volta che parlavo con qualcuno che ci era stato, mi immaginavo in visita alle stanze reali, a passeggio nel parco o a sentire il rombi dei motori dell'autodromo.

Per caso, in un pomeriggio di quelli uggiosi in cui vorresti solo partire ed andare da qualche parte a farti coccolare, leggendo un post di Chiara, sul suo blog Con un Viaggio nella Testa, scopro l'Hotel de la Ville e il suo ristorante Derby Grill.
Tutto subito è proprio il ristorante ad attirare la mia attenzione.
Chi mi conosce bene sa che amo scoprire nuovi locali, assaggiare i piatti particolari di chef noti, meno noti, emergenti... insomma chef che hanno qualcosa da raccontare.

La storia che racconta Chiara sullo chef Fabio Silva è interessante e le foto dei piatti mi stimolano a cercare nuove notizie e scoprire lo stile di questo chef napoletano, appassionato per le materie prime di qualità, che ama combinare la tradizione partenopea e quella lombarda nella sua cucina.

Galeotta un'offerta imperdibile, chiamo al volo Isabella e decidiamo di prenotare.

Arriviamo a Monza in un sabato mattina grigio e nuvoloso, ma appena entrate all'Hotel de la Ville veniamo accolte da una atmosfera così piacevole e coinvolgente che per due giorni rimaniamo in balia di questa beatitudine.

Non lo dico per fare falsa retorica; l'accoglienza e l'attenzione al cliente è una delle caratteristiche su cui si basa la filosofia dell'Hotel de la Ville. Ogni persona dello staff che incrociamo è veramente a disposizione dei clienti, per rendere il soggiorno un'esperienza indimenticabile.
Le aspettative, devo ammetterlo, erano piuttosto alte; le recensioni che avevamo letto online e le esperienze dirette di amici che avevano soggiornato in questo hotel ci portavano ad aspettarci il massimo.






Volete sapere quale è stata la nostra impressione? Ebbene, il massimo è stato superato nel momento esatto in cui abbiamo aperto la porta della nostra stanza affacciata sul parco della Villa Reale e ci siamo immerse in un'atmosfera degna di una favola accolte da un vassoio di frutta fresca come benvenuto: ogni dettaglio è curato, i mobili sono piccole opere d'arte, accanto al letto - elegante ed immenso - è posizionato il comando per aprire senza fatica le tapparelle, il bagno è dotato di avvolgenti accappatoi di morbida spugna e ricchi set di cortesia, e lo spazio certo non manca anche per alloggiare voluminosi bagagli. 
Lì abbiamo capito che avremmo trascorso un vero weekend reale.





Il ristorante è stata poi la ciliegina sulla torta della nostra esperienza.
Avevamo acquistato il pacchetto che includeva la cena e poter fare un percorso tra i piatti più significativi dello chef Silva ci ha permesso di apprezzarne ogni sfumatura.
La presentazione delle portate nei piatti è stata completata dal servizio più che professionale del personale di sala.
Una delle caratteristiche che ho notato più di una volta in certi ambienti di livello alto è la gentilezza e la professionalità declinata in modo da non mettere mai in soggezione né in imbarazzo il cliente, bensì farlo sentire a proprio agio ed accolto come fosse un ospite abituale. 




Quest'ultima caratteristica si ritrova non solo nel servizio del pranzo o della cena, ma anche in quello della colazione.
Una parentesi a parte va dedicata alla colazione: pensate a quello che vorreste mangiare per colazione e moltiplicatelo per dieci o per venti; poi entrate nella sala colazioni dell'Hotel de la Ville e stupitevi perchè lo troverete moltiplicato finanche per cinquanta. Carrello di formaggi e di salumi, fonduta di cioccolato per accompagnare biscotti e frutta fresca, oltre a brioche appena sfornate, marmellate e pane: un tripudio per una come me che in hotel attende il momento della colazione con vera trepidazione.

La bellezza di trascorrere del tempo a colazione con un'amica come Barbara del blog Tangibili Emozioni che abita a poche centinaia di metri dall'hotel ha reso la mattinata della domenica ancora più piacevole.



Sapete poi come abbiamo continuato la giornata?  Girando nel parco della Villa Reale, in sella alle biciclette che l'hotel mette a disposizione degli ospiti e con un pic-nic preparato dalle cucine del Ristorante Derby Grill. 

Davvero ci siamo sentite viziate e coccolate come regine e abbiamo rimesso Monza nella nostra lista di viaggio per ripetere l'esperienza, magari in un'altra stanza dell'hotel. Le stanze, infatti, sono tutte diverse e ognuna è curata nei minimi particolari personalmente dai proprietari, che amano acquistare oggetti di antiquariato proprio per abbellirle e caratterizzarle ulteriormente.


Io fossi in voi un giro sul sito dell'Hotel de la Ville per sbirciare quanto sono belle le camere e le aree comuni me lo farei...


0 commenti:

Posta un commento

Il tuo commento alimenta il mio blog :)
Grazie!